Passa ai contenuti principali

Vampires

Poteva John Carpenter, non fare un film vampiresco? Anche John Carpenter cede al fascino dei succhia sangue, ma lo fa ovviamente a modo suo, dirigendo un film che è spettacolare e splatter quanto basta per essere considerato un capolavoro del genere horror, o anche un cult movie.
Il cast è stellare, protagonista è Jack Crowe, James Woods, un cacciatore di vampiri che lavora per il Vaticano, sin dal giorno in cui ha scoperto che il padre era diventato un vampiro e ha cercato di aggredirlo, non dico altro altrimenti spoilero, cosa che odio fare nelle mie recensioni, e per chi mi legge sa benissimo come le scrivo, ma parliamo del film, che di certo è la cosa fondamentale per scrivere una recensione.
John Carpenter mischia abilmente il sacro e il profano, che sono alcuni temi portanti del suo cinema, e strizza l'occhio anche ai western di Howard Hawks, di cui è un grandissimo fan, e dirige un horror di frontiera, spingendo di più sugli effetti gore e splatter che caratterizzano il genere vampiresco, personalizzandolo alla sua maniera, dunque, andiamo a noi, L'inizio del film parte spingendo il pedale sulla caccia dei vampiri e la ricerca del maestro, che sarebbe il vampiro più potente del mondo, il suo nome è Valek, che è al tempo stesso l'antagonista di Crowe, che ha allo stesso tempo un asso nella manica, che ben presto sarà anche la conseguenza della carneficina che ha ucciso tutta la squadra di Crowe, gli unici rimasti vivi sono lui e Montoya, (Daniel Baldwin), e si portano dietro una prostituta Katrina Sheryl Lee che è stata morsa dal vampiro, e ha un contatto con lui, quindi anche Jack ha un asso nella manica, ma devono fare in fretta, prima che il sole tramonti in modo da sconfiggere Valek e salvare Katrina dall'essere un vampiro, ma le cose peggiorano quando si scoprirà chi ha tradito Crowe, e sarà ormai troppo tardi per Salvare Katrina che nel frattempo ha morso Montoya...Adesso Crowe ha solo un prete chiacchierone a fargli da scudo, che lui reputa persino un incapace, ma è davvero così? Il prete si dimostrerà più astuto di quanto immaginava, e farà da spalla a Jack salvandogli la vita diverse volte, ma cosa vuole Valek da Jack? Semplice, vuole terminare un esorcismo alla rovescia cominciato secoli prima in modo tale che da vampiro può muoversi liberamente alla luce del sole, sarà proprio il prete a fermare il traditore cambiando le carte in regola e rifiutando di terminare il rito, ma chi è il traditore? Non ve lo dico, se lo volete sapere guardatevi il film riuscirà Jack con il prete a fermare Valek prima che sia troppo tardi?
John Carpenter dirige un horror che si spinge in la con gli effetti gore, ma sono ben misurati, non esagerati e inerenti alla storia, in cui dimostra un altra volta di essere un maestro di film di genere, dirigendo un horror che pur restando fedele alla natura dei succhiasangue, se ne distanzia personificandolo in modo originale e innovativo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE



Movie Quote
Lei ha mai visto un vampiro?
No.
Per prima cosa non sono romantici chiaro?
Non assomigliano affatto a un branco di transessuali che se ne vanno in giro in abito da sera a tentare di rimorchiare tutti quelli che incontrano con un falso accento europeo.
Dimentichi quello che ha visto al cinema: Non diventano pipistrelli, Le croci non servono a niente. L'aglio? Vuole provare con l'aglio? Si metta una treccia d'aglio intorno al collo e quei vigliacchi le arrivano alle spalle e glielo mettono allegramente in quel posto, mentre intanto le succhiano il sangue senza cannuccia. Non dormono in bare di lusso foderate di seta.
Vuole ammazzarne uno? Gli pianti un paletto direttamente in mezzo al cuore, il sole li riduce in cenere nel giro di un minuto...

Commenti

  1. si veditelo, questo è un filmone, Benvenuta alla fabbrica :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.