Passa ai contenuti principali

The Raven

Ci troviamo davanti a un film decisamente migliore di The Woman in Black ma non aspettatevi di gridare al capolavoro, perchè nonostante la pellicola sia coinvolgente e intrigante, non è certo un grandissimo film, fattostà che è girato molto bene, McTeigue, riesce a coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine, girando un film pieno di suspance tensione e romanticismo, che rendono la storia intrigante e appetitosa quanto basta, ma allora dove stanno i limiti del film? Si perchè il film i limiti ce li ha, soprattutto nell'accentuarsi troppo nell'aspetto romantico tralasciando l'aspetto terrificante della storia, la sparizione dell'amata di Poe e il suo continuo cercarla appiattiscono la storia, ma allo stesso tempo coinvolgono le percezioni di chi ama un certo romanticismo nella storia, lasciando in secondo piano anche le altre vittime.
La recitazione degli attori è attenta e determinata, lo stesso McTeigue, cerca di dare uno spessore personale alla storia, in cui le carte si scoprono alla fine, e come costruzione della storia non è niente male, e tiene lo spettatore sulla corda, sia per la liberazione della ragazza se mai ci sarà, ma non rivelo nulla se il film non l'avete visto, ma che relazione c'è tra Poe e i delitti che investono la città? Si tratta di un serial killer che si ispira alle sue opere letterarie, dopo la morte di due donne la polizia lo coinvolge nelle indagini, per smascherare il colpevole, fin qui nulla di completamente nuovo, nè di innovativo, eppure il film ha il pregio di saper intrattenere lo spettatore dalla prima all'ultima scena e che i pregi riescono ad equilibrarsi con i difetti in modo che rendono piacevole e intrigante la visione.
Si tratta comunque di un opera che passa e va, piacevole appetitosa, che si guarda per stare in tensione e riesce a darla, risente comunque di una certa ispirazione di altre opere, come Shakespeare in love, dove c'è un personaggio realmente esistito che è protagonista, ma resta comunque un film lontano dalle opere di Roger Corman, è una storia a parte, e come tale va presa, gustata e goduta, senza aspettarsi tanti ingegni logistici, o talentuosi.
APPETITOSO.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.