Passa ai contenuti principali

Le Paludi della morte

E questa sera abbiamo pure un opera seconda, questa volta prodotta  da Michael Mann, si nota la scritta sulla locandina del film che il principale sponsor è proprio il famoso papà, ma Amy Canaan Mann dirige un opera curiosa e interessante, che pur non essendo un capolavoro riesce a stare sulla poltrona lo spettatore, per la sua opera numero due  ha scelto un film di genere Thriller ispirato a fatti realmente accaduti che ha ispirato a sua volta un romanzo omonimo, dunque la storia si concentra sulla sparizione di bambine che vengono poi ritrovate morte vicino al fiume, chi sarà mai il colpevole di questi atroci delitti? Il film si concentra su due poliziotti, uno razionale, l'altro più emotivo, interpretati rispettivamente da Sam Worthington e Jeffrey Morgan, sono loro che seguono le indagini per smascherare il colpevole di questi crimini, poi c'è una famiglia di sbandati, la cui madre è una prostituta in balia dei suoi protettori, che fa allontanare la figlia (La interpreta Sheryl Lee, l'indimenticata interprete di Twin Peaks) che si mette a vagare per la città finchè non la prende con se un poliziotto che si occupa di lei cercando di risalire alla famiglia della piccola, che sia la volta buona per smascherare colui che ha commesso queste atrocità?
Seppur con il patrocinio del famoso papà, Amy Canaan Mann riesce a narrare una storia cercando di personalizzare secondo il suo sguardo il suo punto di vista, non commettendo l'errore di copiare il famoso genitore, ma anzi, creando una sua specifica forma di racconto, che si allontana da quella del genitore, mettendo se stessa dimostrando di essere capace di narrare senza particolari influenze, seppur la pellicola mostri ancora una certa dose di impulsività sorprende il fatto che trasudi freschezza ad ogni scena, come se lei presenta i personaggi con i loro pregi e difetti, e lo spettatore debba in un certo senso cercare di comprendere il loro punto di vista.
In altre parole da una impronta personale alla storia dimostrando di sapere come dirigere una pellicola, senza che gli altri debbano per forza paragonarla al famoso papà, nonostante sia il produttore della pellicola fa il suo ruolo e rimane nel ruolo di produttore, mentre lei rimane in cabina di regia.
APPETITOSO.




Commenti

  1. sono d'accordo, la ragazza ha stoffa e la dimostrerà soprattutto quando si affrancherà dall'ombra paterna...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.