Passa ai contenuti principali

L'uomo nell'ombra

Vi siete mai chiesti che cosa succede quando Polanski incontra Hitchcock? No? Allora non avete visto l'uomo nell'ombra, senza dubbio uno dei migliori film del maestro francese, e lo costruisce in modo in cui niente sembra essere quello che è, anzi, si diverte pure a rimescolare le carte in tavola e sfida lo spettatore a capire chi è il cattivo e cosa si nasconde dietro la biografia di Adam Lang, Ex primo ministro inglese con parecchi scheletri nell'armadio che il ghost writer Ewan McGregor deve ultimare e sbrogliare la complessa matassa che lo riguarda, cosa si nasconde di così terribile nel passato di Lang? E perchè è tanto odiato? Che fine ha fatto il ghost writer precedente? Come è morto? Sono questi gli interrogativi che sapientemente Roman Polanski costruendo una matassa particolarmente complessa da sbrogliare in maniera logica e con l'astuzia di chi sa come si conduce un gioco, inizia una partita simile al gioco degli scacchi, in cui lo spettatore deve sbrogliare insieme a McGregor i tanti misteri nascosti di un film capace di tenere alta l'attenzione del pubblico e che riesce ad essere intelligente e mai banale, per una volta Polanski riesce a costruire un film capace di mettere davanti una realtà e decostruirla del tutto il nostro protagonista dovrà convivere con una realtà in cui il mostro cattivo sembra Adam Lang, ma trovando delle carte sinistre del predecessore comincia a investigare, e piano piano, i pezzi verranno messi ognuno al posto giusto.
Non sono molti i film capaci di essere intelligenti e riuscire a mescolare le carte come fa Polanski, che in questo film dimostra di cosa vuole parlare e soprattutto come lo vuole raccontare, quella biografia nasconde qualcosa? E se lo nasconde si tratta di misfatti legati in qualche mondo al misterioso uomo nell'ombra del titolo? E se esiste quest'uomo nell'ombra chi è?
In un crescendo di tensione capiamo che la morte del precedente ghost writer non è stato l'incidente che ufficialmente lo staff di Lang racconta, ma se non si tratta di incidente di cosa si tratta? Centrano i servizi segreti? Le istituzioni?
Costruendo un castello di carte che si sfracellerà al suolo scoprendo tanti segreti, e giocando a nascondino con lo spettatore, piano piano tutte le maschere cadranno, scoprendo che non tutto è come ti appare davanti, fino ad una agghiacciante e sconvolgente verità, la volete sapere? Non vi resta che guardare il film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.