Passa ai contenuti principali

A Single Man

Leggendo la trama del film, che racconta la storia di un professore sull'orlo del suicidio, perchè sente tutto il dolore della morte del suo compagno e che ormai passa la vita contando i giorni che lo separano al suo destino, nonostante la sua amica di sempre con cui ha avuto un avventura sessuale prima della scoperta della sua omosessualità gli confessi di amarlo ancora, sembra sia il solito film palloso e deprimente, invece è tutt'altro che palloso.
Esordio alla regia dello stilista Tom Ford con protagonisti un grandissimo Colin Firth, attore che dovremmo prendere più in considerazione perchè è capace di interpretare grandissimi ruoli, e la sempre bravissima Julianne Moore.
Il film è concentrato nell'arco di una settimana in cui questo professore  nasconde tutto il suo dolore e la decisione di farla finita per la perdita dell'uomo che amava, il suo dolore è silenzioso, inquietante, straziante, la vita accanto a lui scorre a rilento, ormai si muove quasi come fosse il fantasma della persona che era, ci si sente così quando perdiamo la persona che abbiamo amato per sedici anni? Tom Ford sottolinea lo stato d'animo del suo protagonista e lo fa percepire allo spettatore, bellissimo l'incipt con l'incidente in cui perde la vita il compagno di George, e le urla strazianti che emette quando abbraccia Charlotte, segmento che scorre diverse volte nel film, quasi per far percepire allo spettatore che una parte della sua vita è finita per sempre.
Film tratto dal romanzo di Christopher Isherwood, un uomo solo.
L'unica persona che gli sta vicino è Charlotte, l'amica di sempre, una divorziata madre fallita, che non può comprendere il dolore di George, e cerca di sedurlo a un piccolo party a due organizzato da lei stessa per farlo stare su, - mitica la scena in cui lui urla che con il suo compagno si amavano da sedici anni, mentre il marito l'aveva lasciata sola, rivelando una verità per quanto atroce, piuttosto reale, che non si possono mettere a confronto due rapporti differenti -  ma George, ha già fatto la sua scelta, nonostante la sua vita si incroci con uno studente che crede di avere delle affinità con lui, ma cosa succederà a questo uomo triste e solo? Riuscirà a compiere il suicidio? No, non ve lo dico, perchè la sorpresa è molto più inaspettata di quanto si possa pensare, dovete guardare il film per saperlo.
Tom Ford dirige un grandissimo film dallo stile impeccabile, che riesce a parlare allo spettatore entrando in empatia e in sintonia con il dolore del protagonista.
Bello, bellissimo da non perdere.



Commenti

  1. solo adesso mi viene in mente che Colin Firth nel manifesto, con quegli occhiali, ricorda Mastroianni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…