Passa ai contenuti principali

Following

Christopher Nolan, prima di girare la saga di Batman ed essere come uno degli autori più gettonati di blockbuster, (per altro sempre di qualità)  girava piccoli film, questo è il suo lungometraggio d'esordio, uscito dopo Memento e Insomnia, e scritto in collaborazione con il fratello minore, dire che è un oggettino da collezionare è dire poco, innanzitutto ci troviamo di fronte a un piccolo cult movie, di quelli girati in maniera indipendente e in piena libertà artistica, si nota anche una certa semplicità stilistica che non richiede altro allo spettatore di immergersi totalmente nella storia, e ci riesce benissimo.
In scena abbiamo uno scrittore che per lavoro segue le persone cercando una specie di ispirazione, un giorno si imbatte in Cobb, che è un ladro di professione che lo coinvolge nei suoi furti, le cose si complicano quando lo scrittore si innamora di una ragazza vittima di un furto, a questo punto si troverà immischiato in un gioco più grande  di lui senza via d'uscita.
Nolan, costruisce un noir ad effetto che riesce a creare una tensione palpabile grazie alla sua straordinaria capacità di costruire una trama non lineare ma che strizza l'occhio allo spettatore, che non sa come si sbroglierà la matassa, così che il gatto intrappolerà il topolino nella sua rete, in modo che non potrà uscire nè sbrogliarla, rimanendone incastrato e vittima.
Film imprenscindibile per tutti i fans di Nolan, perchè mostra una capacità di costruire storie curiose senza mai cadere nel già visto e nell'ovvio, dimostrando di dare personalità ai suoi personaggi che portano tutti una maschera, e che riescono a recitare un ruolo per poi dimostrare una volta tolta la maschera davanti allo spettatore di essere tutt'altro di come si facevano vedere, una trama che gioca intelligentemente con lo spettatore, peccato sia uscito dopo le opere con cui è diventato un autore conosciuto al grande pubblico, ma si sa per certe pellicole è meglio che escano dopo che l'autore è diventato famoso non prima.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. Sarà che le tecniche dei truffatori le ho sempre trovate altamente cinematografiche ma questo film lo trovato molto molto affascinante! Geniale nella sua semplicità, a conferma che Nolan non ha bisogno di grandi effetti per essere un grande regista!

    RispondiElimina
  2. questo mi manca...da recuperare sicuramente!

    RispondiElimina
  3. si si, è incredibile come film, fammi sapere se ti è piaciuto ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.