Passa ai contenuti principali

Sleeping Beauty

Finalmenteeee dico io, erano tre anni che bazzicavo a destra e sinistra per vedere questo film, scoperto grazie alla recensione dell'amica Barbara Jurado quando aveva il suo primo blog con cui l'ho scoperta e mi ha fatto incuriosire, sono riuscita a vederlo quest'anno dopo aver cercato si può dire sul web in ogni dove, che sia benedetto il web dico io in barba a quelli che demonizzano il p2p, anche perchè questo ancora da noi è un film inedito, e te pareva, che lo facevano uscire nei cinema? Non sia mai, così a noi cinefili ci tocca guardare altrove per beccare film che vogliamo vedere.


Il film ha una regia impeccabile e sicura, e racconta di una giovane ragazza che fa lavori disparati, dalla cavia per esperimenti, ad addetta alle fotocopie di un azienda, fino ad accettare quasi per gioco e provocazione il prostituirsi presso una ricca signora ma non come comunemente viene conosciuto il mestiere più antico del mondo; Lucy viene drogata e addormentata per assecondare le fantasie di vecchi clienti impotenti.
Lucy è interpretata da una giovanissima Emily Browning che qui è bravissima e naturale anche quando si rischia di essere impacciati, dimostrando una sicurezza complessa per un personaggio addormentato - e sembra davvero addormentata mentre i vecchi le stanno accanto.

L'unica regola da seguire è nessuna penetrazione, quindi la giovane ragazza si addormenta mentre i vecchi attorno a lei fanno i maialoni senza concludere nulla di eccezionale, in pratica non succede nulla di sessuale, soltanto la prendono, la accarezzano la sgridano e via dicendo.
Ma questo gioco ha un prezzo da pagare...
Prima o poi Lucy capirà che ogni cosa ha un limite, anche se il finale - che non rivelo - mi ha lasciata un po' perplessa, nel complesso è un film affascinante e ambiguo soprattutto per quanto riguarda il lavoro che si sceglie Lucy.
Ma anche qui ci sono dei difetti, appena impercettibili, perchè il film resta molto buono, ma non mi è piaciuta soprattutto una certa rappresentazione patinata della storia, ok, capisco che è un film d'autore, capisco che qualitativamente sia interessante, la sua freddezza e soprattutto un certo distacco empatico non mi hanno permesso di apprezzare il film come avrebbe meritato di essere apprezzato.
O forse è proprio la regista che sulla carta ha reso l'opera molto letterale evitando il coinvolgimento del pubblico, ed è un peccato perchè aveva infinite potenzialità.
Così anche noi assistiamo impotenti come quei vecchietti allupati alle gesta di Lucy, ma mentre loro si limitano a vederla dormire, noi che vediamo anche la sua vita fuori dall'appartamento dove si incontra con i vecchietti, ne vediamo le sue gesta, entriamo nella sua vita, dovremmo essere trattati in modo differente dai vecchietti che la vedono dormire no?
Ebbene è questo distacco che non rende grande il film, dire che è  un bel film non è la stessa cosa di dire che non si dimentica, che ha emozionato e via dicendo.
Un certo distacco va bene, ma farlo in maniera da tenere per mano lo spettatore è tutta un altra cosa no?
In conclusione, un film senza infamia e senza lode, ma si poteva fare di più, molto di più.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

  1. Mi ha sempre incuriosito, e la Browning è un ottimo incentivo :-P prima o poi me lo vedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si fallo, ma non aspettarti granchè...

      Elimina
    2. Allora conto solo sulla bella attrice protagonista per attutire la delusione.

      Elimina
  2. Sono d'accordo e non sono d'accordo con te, ormai ho capito che i film "vuoti" (diciamo) mi piacciono, o forse ho solo notato la Browning? E la fotografia? Probabile. Mah non lo so a distanza di anni ho una visione più critica di questo film che però ha avuto un fascino particolare su di me :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.