Passa ai contenuti principali

L'ascesa

Cosa farei senza J.Doinel?
Avere un amico cinefilo è una grandissima fortuna, perchè se è una persona intelligente, e non altezzosa che si mette al di sopra di tutti su un piedistallo - cosa assolutamente inutile - la condivisione diventa stimolante e interessante, ed è il caso di dirlo: questo è l'ennesimo film consigliato da J.Doinel.

Bando alle ciance e parliamo del film: un grandissimo film.
Per certe pellicole, la recensione è fin troppo poca cosa, bisogna parlarne e divulgare per far conoscere l'opera a molte persone, e un blog di cinema è anche un blog d'arte, e quindi se si parla di arte bisogna anche parlare di capolavori soprattutto per condividerne la grandezza e la conoscenza.
Anche questo film l'ho cercato in ogni dove, e poi beccato su cineblog01 non me lo sono fatto di certo scappare, ed ecco che ve ne parlo stasera.
L'immensità di un opera cinematografica di questa portata deve essere conosciuta - il condizionale è un obbligo - soprattutto perchè reputo L'ascesa il miglior film di guerra mai realizzato, dimenticatevi di tutto il resto, forse solo Kubrick con Orizzonti di Gloria lo eguaglia.
Larisa Shepitko, cercherò senza dubbio qualcos'altro di lei, è stata una regista russa morta in un incidente stradale credo dopo la fine delle riprese, non ne sono sicura dovrei fare qualche ricerca in proposito.
La cosa che colpisce maggiormente di questo film, è soprattutto una storia di tradimenti e sopravvivenza: protagonisti sono due partigiani russi, che per cercare cibo e viveri, devono andare nella fazione dove ci sono i tedeschi, il nemico che potrebbe ucciderli se li scopre.

Come dico sempre io, per certi film la recensione è troppo riduttiva, bisogna parlare di questi film, per invitare la gente a guardarli, lo dicevo quando ho recensito Satantango e Lo Specchio, e continuo a sostenerlo per questo film.
L'arte cinematografica va vissuta davanti ad uno schermo cinematografico, va respirata e va condivisa, le sensazioni che ho provato vedendo questo capolavoro assoluto sono state molteplici: dalla commozione, dall'indignazione - per le scelte dei personaggi - al meditativo silenzio, fino alla consapevolezza che quello che stavo guardando non era un semplice film, non era una semplice opera d'arte, era qualcosa che non può essere definita con parole semplici, ma vista e vissuta attraverso lo schermo.
Certe volte mi domando quando guardo film, cosa potrebbe portarmi la visione di un opera? Dire l'ho visto anche io così dimostrare che lo conosco? La conoscenza di un film è anche quello, io in ogni film vedo un esperienza di vita, e va visto perchè ogni opera cinematografica ha un valore, ma questo è un altro discorso che si allontana dalla recensione di questo grandissimo film.
Ricapitolando, ogni film ha un suo  valore - hehehe non vi preoccupate ora parlo di L'ascesa - e questo film deve essere visto soprattutto perchè è un opera che una volta vista ti cambia la vita letteralmente, soprattutto perchè la sua autrice ha lasciato un chiaro esempio dell'inutilità della guerra, con la sua barbaria, poi c'è uno sguardo femminile che penetra l'occhio dello spettatore per arrivare al cuore, ci sono certe scene che spezzano il cuore per intensità emotiva.
Ecco il punto cruciale del film, ha una grande emotività per questo parlarne è un po' un azzardo non perchè non deve essere conosciuto, ma perchè è difficile anche solo risicare una recensione obiettiva, perchè colpisce nel profondo e ti entra nel cuore, uno di quei film che quando li vedi li metti subito nelle liste dei film della vita senza pensarci due volte; punto.
Potrebbe finire così la mia recensione? Beh si perchè no, ma non sazierei la vostra curiosità, quindi adesso ci vuole il mio invito alla visione per voi, e voglio leggere il vostro parere pure nei vostri blog se volete farlo, e sarà qualcosa di cui certamente non ve ne pentirete dato che il film è fruibile ormai, anche se io per trovarlo ci ho messo un bel po', ma l'importante è come si dice? Guardarlo, tutto il resto non conta.
Voto: 10
Per questo film non c'è voto migliore senza dubbio.




Commenti

  1. Ciao, ecco in zona cesarini il mio happy birthday!!! ^_^
    http://directorcult.blogspot.co.uk/2014/09/tanti-auguri-fabbrica-dei-sogni.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.