Passa ai contenuti principali

Notte Horror - Lo Squartatore di New York

E anche la fabbrica partecipa a Notte Horror, l'evento organizzato dall'amica Bolla, per ricordare il programma notturno estivo di tutti i cinehorrorofili.
Per il mio turno ho scelto un film di Lucio Fulci che ancora non avevo visto, l'ho visto ieri mattina, e programmato per stasera: Lo squartatore di New York.
Lo stile di Fulci lo conosciamo tutti, soprattutto chi frequenta questi lidi, e con questo film si è spinto in là, le scene splatter sono filmate dall'inizio alla fine, per mostrare allo spettatore la lama che affonda nella carne e il sangue che esce a fiotti, a fatica si sta a guardare queste scene, certe volte bisogna chiudere gli occhi per l'impressione.
Il fatto è che Fulci è un maestro nel sottolineare queste scene, tutt'al più perchè Lo squartatore di New York è il suo thriller più violento, siamo anni luce da Non si sevizia un paperino, anche se ancora qui siamo nei suoi tempi d'oro.
Ma il film non è un capolavoro, questa volta Fulci si concentra più sugli effetti speciali che sulla trama, che è messa in secondo piano, anzi non è curata abbastanza.
La regia è particolarmente curata, anzi fin troppo direi, nella copia che ho a casa ci sono scene possibilmente tagliate recitate in inglese.
Ma lo sguardo di Fulci, si concentra su un altro tipo di attenzione: quella sessuale.
Soprattutto all'inizio troviamo scene di sesso piuttosto spinte, forse per volere dei produttori americani, qui è filmato morbosamente, quasi come se volesse catartizzare il desiderio per avvicinarlo alla morte delle protagoniste, uccise da un serial killer con la voce di paperino.
Dal sesso alla morte il passo è breve, brevissimo si può dire repentino, e non toglie nulla all'immaginazione, anzi, più fa vedere meglio è.
La Trama vede un ispettore di polizia alla ricerca di un serial killer che squarta le donne, e sono tutte giovani e belle, ma una ragazza che è rimasta ferita ed è miracolosamente scampata all'omicida forse ha la chiave  per smascherare l'assassino.
Lo squartatore di New York, resta un thriller imperfetto coaudiuvato da una sceneggiatura un po' zoppicante che si sgonfia nel finale, l'assassino si vede a metà film togliendo allo spettatore il colpo di scena finale, film come ho detto prima più curato nei dettagli che nella forma o sostanza, certamente non dei suoi migliori thriller ma comunque da vedere.
Voto: 5 e 1/2


Commenti

  1. Decisamente un giallo non all'altezza di "Non si sevizia un paperino" e "Una lucertola dalla pelle di donna", ma tutto sommato un buon Fulci, degno del titolo di "Godfather of Gore" che fu dato al nostro in quei primi anni Ottanta....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.