Passa ai contenuti principali

Il Concerto

Sono pochi i film che sanno dare forti emozioni, i più esagerano pure trasformandosi in pacchiani polpettoni senza filo logico. Ci sono film invece che sanno leggere dentro il cuore della memoria: come appunto questo, Il Concerto.
Non è un semplice film, bisogna assaporare il gusto della musica, ma bisogna capire l'emozione di rispolverare un passato che torna prepotentemente a chiedere il suo prezzo. Un passato la cui memoria è ancora viva, ma celata dalla vita di tutti i giorni. Un direttore d'orchestra, che è stato costretto a interrompere il suo concerto ai tempi della seconda guerra mondiale, ha la possibilità di riunire i vecchi amici per terminare quel concerto. Ci saranno rivelazioni, verità, segreti e bugie celati dentro un passato doloroso che esploderanno durante quel concerto, con una violenza dolorosa e lacerante. Una scena tra tutte è quella di quando la ragazza suona il violino, e si legge nel passato la stessa scena poi interrotta tanto tempo prima, l'emozione della violinista è palese, palpabile e ti tocca il cuore nel profondo. Impossibile non commuoversi davanti a tutta questa passione ed esplosione di emozioni. Emozioni che sono ben calibrate da un regista che sa come  dosarle, centrando in pieno il suo bersaglio.
Il dolore del passato, l'emozione vibrante di sentire la musica suonare ancora, una orchestra da preparare, ricordi vivi e pulsanti che tornano alla luce ricordandoti che il passato è ancora vivo e presente, e chiede di essere conosciuto dal popolo.
Quando la musica vince su tutto, i segreti e le rivelazioni del passato che si fanno via via più vive ed evidenti, sentimenti nuovi che nascono. I protagonisti di questa orchestra non saranno più gli stessi dopo questo concerto.
Film immenso, un piccolo grande capolavoro, che merita di essere riscoperto e collezionato dal grande pubblico, se non l'avete visto, correte subito a vederlo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. gran filmone, concordo in tutto e per tutto Arwen

    RispondiElimina
  2. Bellissimo! come lo definiì a suo tempo un concerto per violino, lacrima e orchestra!

    RispondiElimina
  3. Bello bello, quando ricordare, per quanto doloroso, sa fare anche sorridere!

    RispondiElimina
  4. Davvero bello, concerto finale sublime.
    p.s. Sono la "ex newmoon" che ha semplicemente cambiato casa. Mi rimetto dalle tue parti, spero di ritrovarti nel mio nuovo spazio.

    RispondiElimina
  5. aaaaaaaaah bene verrò a visitarti ^_^, si il concerto è davvero molto bello come film, la scena della ragazza che suona il violino è la più commovente, lì tutti i nodi vengono al pettine ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.