Passa ai contenuti principali

Il Concerto

Sono pochi i film che sanno dare forti emozioni, i più esagerano pure trasformandosi in pacchiani polpettoni senza filo logico. Ci sono film invece che sanno leggere dentro il cuore della memoria: come appunto questo, Il Concerto.
Non è un semplice film, bisogna assaporare il gusto della musica, ma bisogna capire l'emozione di rispolverare un passato che torna prepotentemente a chiedere il suo prezzo. Un passato la cui memoria è ancora viva, ma celata dalla vita di tutti i giorni. Un direttore d'orchestra, che è stato costretto a interrompere il suo concerto ai tempi della seconda guerra mondiale, ha la possibilità di riunire i vecchi amici per terminare quel concerto. Ci saranno rivelazioni, verità, segreti e bugie celati dentro un passato doloroso che esploderanno durante quel concerto, con una violenza dolorosa e lacerante. Una scena tra tutte è quella di quando la ragazza suona il violino, e si legge nel passato la stessa scena poi interrotta tanto tempo prima, l'emozione della violinista è palese, palpabile e ti tocca il cuore nel profondo. Impossibile non commuoversi davanti a tutta questa passione ed esplosione di emozioni. Emozioni che sono ben calibrate da un regista che sa come  dosarle, centrando in pieno il suo bersaglio.
Il dolore del passato, l'emozione vibrante di sentire la musica suonare ancora, una orchestra da preparare, ricordi vivi e pulsanti che tornano alla luce ricordandoti che il passato è ancora vivo e presente, e chiede di essere conosciuto dal popolo.
Quando la musica vince su tutto, i segreti e le rivelazioni del passato che si fanno via via più vive ed evidenti, sentimenti nuovi che nascono. I protagonisti di questa orchestra non saranno più gli stessi dopo questo concerto.
Film immenso, un piccolo grande capolavoro, che merita di essere riscoperto e collezionato dal grande pubblico, se non l'avete visto, correte subito a vederlo.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. gran filmone, concordo in tutto e per tutto Arwen

    RispondiElimina
  2. Bellissimo! come lo definiì a suo tempo un concerto per violino, lacrima e orchestra!

    RispondiElimina
  3. Bello bello, quando ricordare, per quanto doloroso, sa fare anche sorridere!

    RispondiElimina
  4. Davvero bello, concerto finale sublime.
    p.s. Sono la "ex newmoon" che ha semplicemente cambiato casa. Mi rimetto dalle tue parti, spero di ritrovarti nel mio nuovo spazio.

    RispondiElimina
  5. aaaaaaaaah bene verrò a visitarti ^_^, si il concerto è davvero molto bello come film, la scena della ragazza che suona il violino è la più commovente, lì tutti i nodi vengono al pettine ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.