Passa ai contenuti principali

Polisse

E' un film difficile, lo dico fin da subito. Guardare Polisse è come ricevere un pugno e uno schiaffo. La regista Maiween Le Besco, comprende le difficili tematiche che il film tratta, e cerca di essere allo stesso tempo efficace e realista.
E di realismo ne tratta fin troppo bene questo film, come ho detto prima non è un film facile, ma di sicuro si fa apprezzare per l'assoluta sincerità e semplicità con cui è girato. Un altro tassello che si aggiunge al nuovo cinema francese che è rinato dall'anno scorso? Direi proprio di si.
Il film tratta le difficili vite del corpo di polizia squadra protezione dei minori, che ogni giorno si devono imbattere in casi di difficile soluzione le cui vittime sono proprio loro: I bambini.
Bambini abusati, sessualmente, picchiati, ragazze scappate di casa, piccoli spaventati, che si vedono strappati dalle braccia della propria madre perchè non li può fare mangiare.
Si vedono i poliziotti che devono cercare le soluzioni migliori e le più indolori, per tutelare quei bambini che troppo spesso sono soli ad affrontare problemi più grandi di loro, alle prese con padri che li violentano, li picchiano, che abusano di loro psicologicamente; e non è sempre facile trovare le soluzioni più adatte. Allo stesso tempo conosciamo le loro vite, i loro amori, i loro problemi, tutti documentati da una mdp sempre presente, quasi portata a spalla da una regista vicinissima ai suoi interpreti. Maiween è una regista di talento e scommetto che risentiremo parlare di lei, la sensibilità con cui affronta questo film è disarmante, quasi palpabile, è impossibile non restarne conquistati e non commuoversi.
Un piccolo film dedicato ai più piccoli, ci voleva una regista di grande umanità per dirigere una storia del genere e Maiween ha tutte le carte in regola per riuscirci.
Maiween, che interpreta una fotografa nel film, insieme al suo compagno che fa uno dei poliziotti di cui si innamora, si perchè dentro questo film c'è anche l'amore, ma soprattutto ci sono i volti di quei bambini che devono affrontare scelte dolorose, e parlare di traumi che sono più grandi di loro. Quando dovrebbero soltanto prendere una bambola e giocarci, o una macchinina e fare le corse, questi bambini sono costretti a raccontare di abusi subiti, ma tutto questo e per far giustizia e punire i colpevoli.
Un film doloroso, spietato ma anche lucido nel raccontare il lato oscuro dell'infanzia, così come non appare negli spot pubblicitari o nei cartoni animati. E' una realtà inquietante e crudele allo stesso tempo, ed è raccontata con lucida sensibilità da una giovane regista sorprendente.
Un altro piccolo gioiello dal nuovo cinema francese, da recuperare se non l'avete ancora visto.
DA NON PERDERE.




Commenti

  1. A me piace molto il cinema francese e questo film credo che sia una delle cose migliori che ho visto quest'anno (sicuramente nella playlist di fine anno). Il problema è che parliamo tutti di cinema francese come se fosse rinato qualitativamente: in realtà in Francia si fa sempre del buon cinema, credo che il successo planetario di Quasi amici ne fa importare molti di più, anche quelli che non avrebbero qualità particolari per travalicare le Alpi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la dritta ;) le tue info sono sempre interessanti ^^

      Elimina
  2. Sai che non l'avevo mai sentito? Interessante e tematica delicatissima... grazie del consiglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si nella guardatelo, come film è molto bello ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.