Passa ai contenuti principali

Mary Shelley's Frankenstein

Nei primi anni novanta andava di  moda la rilettura di classici horror, sapete quelli che uscivano negli anni d'oro di hollywood, come il Dracula portato sullo schermo da Francis Ford Coppola che lo aveva pure diretto. Qui Coppola, produce soltanto, alla regia troviamo un giovanissimo Kenneth Branagh, che in una pausa delle sue interpretazioni Shakesperiane si misura con l'horror. Ed è un horror di peso questo che  ha scelto, nonostante le critiche negative all'uscita, piuttosto incomprensibili diremmo oggi, il film si è guadagnato ben presto il titolo di cult, grazie all'immensa interpretazione di De Niro, che dona alla sua creatura l'umanità e la rabbia che nell'originale di James Whale mancava. Beh, l'ho detto subito che era un horror di peso no? A confrontarlo col classico di Whale, che si distanziava dall'opera letteraria di Mary Shelley. Questo film invece non vuole fare una brutta copia del capolavoro che ha segnato la storia del cinema, e Branagh sapendo la fama del predecessore, ha pensato bene di dirigere un opera secondo la sua personale visione: ma questa volta rispettando il romanzo originario di Mary Shelley. E chi altri poteva interpretare la creatura se non  Robert De Niro? Per il ruolo di Elizabeth è stata scelta Helena Bonham Carter, allora compagna di Branagh e Ian Holm per il ruolo del padre.
Qual'è il migliore tra i due film? E' impossibile fare confronti, non chiedetemelo neppure, perchè questa è un opera a se stante che vive di vita propria.
Ognuno può preferire o questo o l'altro film, personalmente li ho apprezzati entrambi; anche se l'opera di Whale resta terrificante di per se, il suo Frankenstein terrorizza perchè è un automa senza coscienza, mentre questa nuova versione, con De Niro come protagonista, che parla, si muove, ragiona, ed è privo di bulloni come noi siamo abituati grazie al famoso predecessore.
Che sia una creatura con una coscienza lo si capisce dalle inquadrature, un prometeo moderno, un essere che non ha chiesto di vivere, frutto di esperimenti di uno scienziato esaltato che non esita ad abbandonarlo quando si accorge - troppo tardi - che ha commesso un abominio. La sua cieca ambizione lo invita ad ottenere quel riconoscimento che brama, senza contare le conseguenze dell'ira della sua creatura, che distruggerà le vite delle persone che ama per vendicarsi.
E' una creatura umana, cosciente, non un automa, il tutto viene accentuato da un ritmo incalzante che ne accentua la drammaticità della storia. Per qualsiasi giovane regista misurarsi col capolavoro di Whale sarebbe stato un suicidio, soprattutto se è un autore che non ha mai toccato il cinema di genere. Branagh ci riesce notevolmente, facendo una sua versione di Frankenstein, più vicina al romanzo, ma regalando emozioni e tensione ad ogni inquadratura, e non è poco. Nonostante sia un remake, la pellicola a tutt'oggi risulta originale.
DA NON PERDERE.





Commenti

  1. Veramente bellissimo, con un grande De Niro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sono d'accordo, De Niro è superbo in questo film :) La scena migliore è quando Victor balla con la Elizabeth risorta, cavolo fa venire i brividi quella scena :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.