Passa ai contenuti principali

Hong Kong Express

L'amore visto con gli occhi del regista Wong Kar-Wai, autore che apprezzo moltissimo allo stesso modo in cui stimo anche un altro che ormai è un mito per me: Takeshi Kitano.
Wong Kar-Wai invece è più complesso del regista giapponese, il suo cinema può essere paragonato forse solo a Michelangelo Antonioni soprattutto per la sua complessità.

Eppure con Hong Kong Express realizza un opera fresca, leggera ma capace di colpire al cuore. Siamo ancora lontani da capolavori come Happy Together, e In The Mood For Love, e con questo film, si respira aria di semplicità e voglia di stupire, ma anche una grandissima capacità nel sorprendere lo spettatore.
Un piccolo film girato con la telecamera a spalla, che riprende due storie d'amore, apparentemente scollegate ma c'è un piccolo filo rosso che le collega, riusciremo a scoprire quale?
Wong Kar-Wai costruisce il film come un piccolo giallo sentimentale, volto a sfidare lo spettatore per scoprire il legame tra i protagonisti.
C'è una donna con una parrucca bionda e un giovane che si innamora di lei, poi c'è un poliziotto che amareggiato dalla fine del suo rapporto cerca di rifarsi una vita, riusciremo a collegare le due storie?
Si che ce la faremo, perchè come sempre nulla è lasciato al caso.
Bellissima la colonna sonora, di cui spicca la versione cinese di Dream dei Cranberries.  e soprattutto California Dreamin, brano di successo degli anni sessanta, presente soprattutto nella seconda parte del film.

Hong Kong Express è un film dal ritmo frenetico e colorato, caratterizzato dalla malinconia dei protagonisti che si trovano nello spazio angusto di una metropoli, vista più come una piccola prigione interiore senza via di fuga.
I personaggi sono caratterizzati da una solitudine sottolineata dal loro stato d'animo, e lo spettatore riesce a sentirlo grazie alla capacità di Wong Kar-Wai di creare empatia tra la storia e il pubblico.
Capacità che ben pochi autori riescono a realizzare in un opera.
Se mi è piaciuto il film? L'ho adorato, ho capito quanto sia interessante come autore Wong Kar-Wai grazie alla sua capacità di farci entrare letteralmente dentro Hong Kong, nello sfavillante scintillio delle luci al neon, presentissime in tutto il film, e carpire i legami sentimentali dei suoi protagonisti.
Un piccolo grande film senza dubbio, diretto da un autore capace di sorprendere grazie alle sue idee semplici, schiette e senza fronzoli, esattamente come questo film.
Si dice che il film sia stato girato durante le pause di lavorazione di Ashes of Time, di prossima visione, e che originariamente le storie erano più di una, ma che poi la terza è stata sviluppata meglio nel bellissimo - e ancora più cupo - Angeli Perduti.
Che aspettate a vedere questo film? Sono sicura che vi sorprenderà.
Voto: 8




Commenti

  1. Semplice, eppure bellissimo.
    Con tutte le sue imperfezioni, per me il Wong Kar Wai preferito.

    RispondiElimina
  2. Kitano è molto pane salame, una sorta di Clint Eastwood orientale, per certi versi (affermazione da prendere con le pinze)... Wong Kar-wai è molto più cerebrale e raffinato, quindi può piacere a meno persone.
    Comunque grande film urbano. prima o pi dovrò parlarne, anche se mi mancano smepre le parole quando si tratta di descriverlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, sono daccordo, comunque il mio non voleva essere un confronto tra i due, come hai detto tu infatti sono diversissimi, ma mi piacciono entrambi moltissimo, volevo dire questo ovviamente ^_^ Kar-Wai si che è cerebrale, avoglia se lo è, se hai visto In the Mood for love e 2046 sai di cosa sto parlando ;)

      Elimina
  3. A me questo film fa venire in mente tre cose: California Dreamin', "le piacciono gli ananas?" (la miglior frase da rimorchio che abbia mai sentito) e la scena in cui parla con lo straccio e i peluches xD

    A me è piaciuto tantissimo, e adoro questo regista :9 (proprio oggi pensavo a In The Mood For Love che caso)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello è il suo capolavoro assoluto, infatti ha raggiunto l'olimpo cinematogafico con In The Mood for love,io ti consiglio di vedere days of being wild e soprattutto happy together più sperimentale che anticipa di qualche anno in the mood for love

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…