Passa ai contenuti principali

Benedetta Follia

Credevate che avevo messo da parte i film che fanno al cinema? E no cari amici, ecco che oggi parlo anche di Benedetta Follia, ultimo lavoro del nostro Carlo Verdone, che, come avevo previsto nella rubrica sulle uscite cinematografiche è un lavoro senza infamia e senza lode della premiata ditta Verdone.

Detto sinceramente terra terra,  Carlo Verdone mi sta  simpatico e fa sbellicare quando fa come diciamo noi in sicilia u pillicusu, ovvero una persona talmente precisa fino all'estremo capace di rendere la vita degli altri praticamente impossibile, e ci sono stati casi come il mitico Viaggi di Nozze, film che  registrai alla tele e mi ha fatta divertire un mondo, o Gallo Cedrone, dove fa il coatto romano, altra caratterizzazione riuscitissima del repertorio Verdoniano.
Quando interpreta un personaggio nella norma, perde un po' della sua aurea di comico irriverente e irresistibile, e ne risente anche il film.
Però, Benedetta Follia può avere tutti i difetti di questo mondo, ma a salvare il film arriva Ilenia Pastorelli, che con la sua verve comica lo rende particolarmente piacevole, e giusto per passare un po' di tempo con gli amici al cinema.
Resta comunque un prodotto tipico di commedia italiana di intrattenimento con momenti di vero divertimento, come ad esempio quando Guglielmo, durante una festa viene drogato da Luna, o quando deve conquistare un infermiera che avrà un legame speciale con Luna, che non vi dico per non rovinarvi la sorpresa.
Per me dunque è una commedia piacevole a vedersi, ma resta un prodotto per puro divertimento poco impegnativo, che non mostra nulla di nuovo nel repertorio del comico e regista romano, e alla lunga può anche annoiare.
Questo comunque è il mio parere, non so voi se l'avete visto cosa ne pensate, c'è chi lo ha apprezzato meglio di me, ma ogni recensore/critico, ha un parere differente di fronte a un film, questa è cosa nota.
Per me resta un film da vedere senza aspettarsi chissà che cosa.
Senza infamia e senza lode.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.