Passa ai contenuti principali

Benedetta Follia

Credevate che avevo messo da parte i film che fanno al cinema? E no cari amici, ecco che oggi parlo anche di Benedetta Follia, ultimo lavoro del nostro Carlo Verdone, che, come avevo previsto nella rubrica sulle uscite cinematografiche è un lavoro senza infamia e senza lode della premiata ditta Verdone.

Detto sinceramente terra terra,  Carlo Verdone mi sta  simpatico e fa sbellicare quando fa come diciamo noi in sicilia u pillicusu, ovvero una persona talmente precisa fino all'estremo capace di rendere la vita degli altri praticamente impossibile, e ci sono stati casi come il mitico Viaggi di Nozze, film che  registrai alla tele e mi ha fatta divertire un mondo, o Gallo Cedrone, dove fa il coatto romano, altra caratterizzazione riuscitissima del repertorio Verdoniano.
Quando interpreta un personaggio nella norma, perde un po' della sua aurea di comico irriverente e irresistibile, e ne risente anche il film.
Però, Benedetta Follia può avere tutti i difetti di questo mondo, ma a salvare il film arriva Ilenia Pastorelli, che con la sua verve comica lo rende particolarmente piacevole, e giusto per passare un po' di tempo con gli amici al cinema.
Resta comunque un prodotto tipico di commedia italiana di intrattenimento con momenti di vero divertimento, come ad esempio quando Guglielmo, durante una festa viene drogato da Luna, o quando deve conquistare un infermiera che avrà un legame speciale con Luna, che non vi dico per non rovinarvi la sorpresa.
Per me dunque è una commedia piacevole a vedersi, ma resta un prodotto per puro divertimento poco impegnativo, che non mostra nulla di nuovo nel repertorio del comico e regista romano, e alla lunga può anche annoiare.
Questo comunque è il mio parere, non so voi se l'avete visto cosa ne pensate, c'è chi lo ha apprezzato meglio di me, ma ogni recensore/critico, ha un parere differente di fronte a un film, questa è cosa nota.
Per me resta un film da vedere senza aspettarsi chissà che cosa.
Senza infamia e senza lode.



Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.