Passa ai contenuti principali

Il Mio 2017 - Con Wells e Weir tornano le rassegne

Il 2017 è stato l'anno in cui dopo ben 5 anni sono tornate le rassegne cinematografiche, ovvero quelle monografie che ogni tanto facevo sin dal 2011/12 alla fabbrica e mi hanno permesso di approfondire alcuni registi che mi interessavano e mi incuriosivano.
L'anno appena trascorso ho approfondito due grandissimi, il primo è stato quasi un obbligo farlo perché almeno per mio parere un appassionato di cinema non può non conoscere il cinema di Orson Welles, in quanto era una mia lacuna che ho voluto colmare, e finalmente l'ho fatto, guardando la maggioranza dei film da lui diretti.
Alcuni non sono stati finiti, altri li ha diretti tramite pseudonimo, se li becco ovviamente li troverete alla fabbrica questo è poco ma sicuro.
Per me ha rappresentato un altro passo avanti nella mia cultura di cinefila, e dato che Welles al pari di Kubrick è considerato uno dei più grandi cineasti della storia del cinema potevo ancora restare ferma a non approfondire l'argomento? Assolutamente no.
Ed ecco una rassegna cominciata da marzo, periodo in cui sono tornata a scrivere assiduamente nel blog fino a novembre, tralasciando la lunghissima pausa estiva per colpa di un caldo soffocante.
Ma non ho fatto soltanto Welles, eh no...da ottobre fino ai primi di dicembre si è parlato anche di un altro regista che apprezzavo molto, Peter Weir

Certamente ho scoperto un altro grande autore della settima arte, le cui tematiche sono sorprendentemente vicino al mio modo di pensare, ed è stato bellissimo visionare e revisionare i suoi film per recensirli alla fabbrica, se non lo conoscete vi assicuro che vi sorprenderà non poco.
Col suo cinema Weir affronta tematiche in cui vedono l'uomo alle prese con civiltà diverse dalle sue, in cui deve approcciarsi in un microcosmo in cui si affrontano tematiche delicate e difficili, che non tutti sono in grando di rendere credibili.
Lui ci riesce benissimo, grazie ad un cinema sincero e duttile, capace anche di parlare laddove ci sono pregiudizi cercando di far riflettere lo spettatore.
E sono pochi i registi capaci di fare questo.
A domani con i classici visti l'anno scorso.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.