Passa ai contenuti principali

Star Wars Episodio VII - Il Risveglio della forza

Film visto due anni fa, ma che non ho potuto purtroppo recensire fino ad oggi, in quanto è uscito il secondo capitolo che spero di recensire entro domani.

Seguito ufficiale della mitica trilogia di George Lucas, alla regia c'è il mitico JJ Abrams che, per chi mi conosce bene sa la grande stima che ho per colui che per molti è il nuovo Spielberg.
Il film l'ho visto da mia cugina due anni fa durante le feste natalizie, e così con la scusa che è uscito il nuovo capitolo, ho fatto uscire dal cappello questo film per recensirlo.
Ebbene, nella scena clou che non vi dico, anche io mi sono rattristita, anche perché Han Solo, è uno dei personaggi simbolo della saga, e di certo per quello che succede vi spezza il cuore.
Basta non voglio dire altro per non rovinarvi la sorpresa, dico soltanto che in questo seguito, bisogna riprendere il figlio di Han, che rischia di mettersi con le forze del male, per questo Leila, ne parla con lui e lo invita a rimetterlo in riga.
Allo stesso tempo c'è una ragazza che con la sua banda di amici è in cerca di Luke Skywalker per ristabilire la pace e l'equilibrio nella galassia, ed è mandata proprio da Leila per cercarlo e fare in modo che tutto ritorni a posto.
Che bello il seguito di Star Wars davvero, essendo una saga che ho visto sin da piccola con la bonanima di mio fratello, è stato bello rivedere un seguito dopo i tre prequel diretti tutti da Lucas, e poi diciamolo, che JJ Abrams ha donato nuovo lustro anche alla saga di Star Wars non ci credete? Fidatevi della mia parola amici.
Per me merita di stare tra i great movies, sia per la spettacolarità che per l'avventura, vogliamo mettere anche le emozioni? E mettiamocele, il cinema d'altronde è anche questo.
Per me il duello tra Han solo è suo figlio è già cult, per voi?
Ci scommetto che anche voi alla fine della famosa scena avreste voluto urlare per la tistezza.
Non dico altro, vi dico solamente una cosa: Correte a vederlo se non l'avete ancora fatto
Questo non è solo un grande film, ma è un film spettacolare, e basta e avanza per poterlo mettere nella vostra collezione.
Da appassionata di cinema e di cinema di fantascienza non me lo sono fatto scappare per nessun motivo al mondo.


Commenti

  1. Come blockbuster va bene. Intrattiene e fa venire voglia di vedere il sequel.
    Ma come fan di Star Wars non l'ho gradito... E' una copia carbone di Episodio 4. Se voglio vedermi Episodio 4 mi vedo l'originale...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.