Passa ai contenuti principali

Smetto quando voglio - Masterclass

Seconda puntata di Smetto Quando Voglio, con Masterclass, torna la banda di ricercatori più svitata del cinema italiano, potevo perdermela? Assolutamente no.
Diciamoci la verità, anche questa seconda puntata è davvero gajarda, mi sono divertita molto a guardarla, qui, si racconta quello che è successo nell'anno e mezzo di assenza ai protagonisti, ma, c'è un ma nel racconto di fondo: devono aiutare una poliziotta a sgominare una banda di narcotrafficanti ancora più pericolosa.
Riusciranno i nostri eroi ad aiutare la polizia e se stessi cercando anche di ridurre la loro pena? Oppure finiranno anche questa volta nei pasticci?

Come dice un vecchio proverbio, squadra vincente non si cambia, e per la seconda puntata di questo divertente franchise, la nostra banda di improbabili fuorilegge, deve fare i conti con quello che hanno commesso, e decidere cosa fare della propria vita.
Un film che sta certamente in mezzo, che aggiunge molto a un franchise divertente e tutto italiano, per una volta tanto si ride e ci si diverte in maniera intelligente e non demenziale, come accade a tante e trascurabili commediacce italiane, prime tra tutte i cosidetti cinepanettoni.
Sydney Sibilia, da giovane regista qual è, si allontana dai classici stereotipi ripetitivi, e compie un altra volta un piccolo miracolo.
Non stiamo mai dalla parte del capolavoro, ma cavolo, sfido chiunque a non immedesimarsi in questi improbabili fuorilegge, ma che in realtàè sono persone assolutamente normali, solo che hanno deciso sin dalla prima puntata, di intraprendere una strada più fruttuosa, che li aiuti a campare, dato che hanno perso il lavoro di ricercatori scentifici per dare da mangiare alla propria famiglia.
Ora, sicuramente non sono le persone migliori di questo mondo, ma nel loro piccolo cercano di campare al meglio che possono, rischiando anche di perdere i loro affetti.
Questa seconda puntata mi ha convinta ancora di più sulla qualità dell'operazione, prodotta tra l'altro dalla Fandango di Domenico Procacci e diretta ancora una volta da Sydney Sibilia, perché direte voi? Perché si presenta sin da subito un franchise di contenuti e che diverte dalla prima all'ultima scena, ma fa riflettere sulle umane debolezze.
Il tutto recitato da un cast in piena forma...e la sapete una cosa? Proprio in questo momento sto vedendo la terza puntata, che recensirò mercoledì prossimo.
Non sottovalutate i titoli italiani, lo dico sempre io, spesso però ho notato che veramente il nostro cinema se ben valorizzato può ancora dire tanto.
E non sto affatto scherzando.
Voto: 7



Commenti

  1. E infatti, oggi ho scritto anch'io la recensione, e niente...davvero bello, gagliardo e spassoso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, vengo a leggerti subito ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.