Passa ai contenuti principali

Monty Python - Il Senso della vita

Preparatevi a ridere a crepapelle, anzi no, a sbellicarvi dalle risate non ci credete? Ok, vi sfido a vedere questo film senza spiccicare una risata, sono sicura che non ce la fareste mai. Ho appena terminato di vederlo, ed è stata un impresa, perché oggi la rassegna dedicata al mitico Terry Gilliam rischiava di saltare, fortunatamente con uno stratagemma sono riuscita a vederlo, così ho potuto recensirlo per voi.

Non conosco bene i Monty Python, però li adoro, si avete sentito bene, ormai è ufficiale, devo dire inoltre che con questo film Terry Gilliam è entrato ufficialmente nel mio olimpo, non solo perché è un film che letteralmente fa sganasciare dalle risate, ma perché mette in scena una comicità intelligente e colta, e fa anche pensare, d'altronde stiamo parlando del senso della vita, ed è proprio la vita con le sue assurdità ad essere messa alla berlina, dentro c'è di tutto, religione, con i suoi dogmi assolutamente fuori di testa, sesso, ce ne è messo in dosi massicce, a parole ovviamente con battute e comicità irriverente e goliardica, ma sempre con raffinatezza e prendendo in giro questa raffinatezza, daje, non è un film per stomaci deboli però, consiglio la visione a chi non si impressiona a veder vomitare un ciccione che mangia e divora un sacco di roba.
A parte questo ci sono veramente momenti da sbellicarsi, si comincia con la nascita umana, per poi finire con la morte, con scene veramente da antologia, si veda uno dei momenti migliori del film, quello della famiglia con una marea di figli perché il padre ha deciso di non indossare il preservativo per rispettare i dogmi della sua religione, ma capisce che non può mantenere tutti i figli, e c'è un altra famiglia, questa volta protestante che hanno scopato soltanto due volte, giusto per fare i due figli che hanno fatto, i Monty Python mettono in scena l'assurdità della religione e anche di tutto quello che concerne la vita stessa.
Una critica feroce al consumismo e all'avidità si ha nel bellissimo incipt che racconta di una società in cui gli impiegati sono strattati come schiavi e sono tutti vecchi, fino al giorno in cui decidono di tirare fuori le palle andando persino a wall Street a fare il culo ai cosidetti capitalisti, per poi cominciare con una irriverente messa in scena della vita.
L'operazione si rivela divertentissima a da piegarsi in due dalle risate, Terry Gilliam dirige ancora una volta con Terry Jones, e quello che ne esce fuori è un quasi capolavoro allucinante e allucinato che mette alla berlina l'uomo, la vita e tutto quello che gli gira intorno.
I Monty Python dal canto loro non scadono mai il volgarità gratuite, ponendo alla loro comicità anche la loro cultura facendo si che chi guarda il loro goliardico film rida di gusto ma anche pensi a ciò che sta vedendo sullo schermo.
La loro è una comicità colta, pungente, goliardica e mai demenziale e stupida, come tante commedie americane, e questo film cari amici, ha anche vinto il gran premio della giuria a Cannes, quindi fate due conti, perché questo è un titolo che ogni appassionato di commedia e di cinema, non può non aver visto una volta nella vita.
Olimpo per me, senza indugi.



Commenti

  1. Facciamo che è uno dei miei film della vita e non ne parliamo più? ;-) Un insieme di momenti geniali che mi ritrovo a citare nelle mie conversazioni quotidiane, meraviglioso ;-) Cheers

    RispondiElimina
  2. Cult, non ci sono altre parole per descriverlo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.