Passa ai contenuti principali

Première Week - Lady Bird

Potevo lasciare da parte il quasi debutto alla regia di Greta Gerwig? Per la settimana dedicata alle première ecco a voi Lady Bird, anzi, per meglio dire è un debutto vero e proprio, con protagonista una delle nuove attrici che più apprezzo: Saoirse Ronan, nel ruolo di Lady Bird.
Il suo vero nome è Christine McPherson,ma lei lo odia e si fa chiamare dagli amici Lady Bird.
Uscita al cinema: 1° Marzo

Non sono molti film che trattano l'adolescenza, perché spesso e volentieri molti registi hanno quasi paura di parlarne, infatti film che trattano questo tema possono - almeno credo - contarsi sulle dita della mano, come  dico sempre io meglio pochi che molti.
Anche questo film si annovera tra i migliori.
D'altronde ha ottenuto diverse nomination all'oscar già al suo esordio, e questo dice molto.
Questo comunque è un film sulla famiglia anche, e sui rapporti spesso difficili e conflittuali, tra genitori e figli, sugli amori, sulle difficoltà dei teenager e soprattutto, sulle scelte della vita.
Anche sull'amicizia, sull'arte e tante altre cose.
Vi sembra poco? Niente affatto.
Perché la nostra Lady Bird farà anche un percorso di crescita, cominciando a conoscere se stessa, la sua famiglia, e gli affetti a lei più vicini.
Comincio col dire che non è il semplice teen movie adolescenziale un po' bislacco e che mixa comicità e demenzialità a non finire, è un film serio, che narra l'autodeterminazione di una ragazza che per scelta personale decide di darsi un nome per accettare se stessa, ma il suo è anche un modo di indossare una maschera per essere se stessa, ma presto questa maschera comincia ad essere stretta, e deve accettare gli altri per imparare ad essere se stessa e anche ad accettarsi.
Un film sull'amore,sull'amicizia e sulla vita, come non se ne vedevano da tanti anni a questa parte, grazie a Greta Gerwig, attrice indie per eccellenza, di averci regalato questo piccolo ma grande film,ancora imperfetto per essere definito un capolavoro ma come sempre dico io, chi si accontenta gode.
Comunque da vedere assolutamente, non lasciatevi scappare questa perla.


Commenti

  1. Che carino questo film: leggero ma non frivolo, semplice ma non banale. Con una grandissima attrice, che adoro fin dai tempi di "Amabili resti"... sarà uno dei miei preferiti della stagione!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione, interessante!

    RispondiElimina
  3. Anche per me un film imperfetto, ma delizioso. Una pellicola che poco a poco, minuto dopo minuto, resta impressa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.