Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci + Cineclassics - Orizzonti di Gloria

Non so quali parole esatte usare per esprimere quello che ho provato durante la visione...
Spesso le recensioni vengono meglio se si ci lascia andare al fiume di parole che scorrono tra le dita sulla tastiera, anche perché viene più facile lasciarsi trasportare dalle emozioni.
Per un film di guerra? Si esatto...
E solo i grandi  sanno tirare fuori le emozioni, non ci credete? Guardate la scena della ragazza che canta una canzone tedesca e poi mi dite.

Kubrick ha sempre fatto film che criticavano in un certo senso la bramosia dell'uomo e la sua fame di sete e di conquista tema ricorrente nei due film di guerra che ha girato, questo e il mitico Full Metal Jacket, che tra qualche settimana apparirà alla fabbrica.
Un film che dura pochissimo, e in quel poco tempo c'è dentro tutta la ceca follia di un generale che intende fare una azione suicida, dove i suoi uomini non ce la possono fare a tornare a casa sani e salvi, una follia.
In pratica è una azione impossibile, dato che il nemico ha una barriera praticamente inespugnabile, soltanto uno di loro si dirà contrario...ma ovviamente per questa azione suicida, non sarà chi l'ha ideata a pagare, ma coloro che vi hanno partecipato.
Film antimilitarista, che ho letto è stato censurato in Francia, non ho ben capito per quale motivo, comunque sia nei suoi quasi novanta minuti di durata, Kubrick è riuscito a esprimere tutta la follia della guerra.
L'uomo visto come essere piccolissimo, che non intende arrendersi anche a costo di perdere i suoi uomini soltanto per conquistare, distruggere e uccidere.
Questo è il tema di un film a me particolarmente caro, che ho rivisto nello special dedicato al grandissimo Kubrick, per farlo ricominciare e completare, la sua filmografia alla fabbrica, che deve essere interamente recensita, per la gioia di voi tutti amici che mi seguite.
Per quanto mi riguarda, un cinefilo DEVE vedere questo film, perché oltre ad essere imprescindibile per ogni appassionato divoratore di film che si rispetti, è un titolo fondamentale che non può certamente mancare in una collezione cinefila che si rispetti.
Quindi amici, se volete conoscere chi ha fatto la storia della settima arte, cominciate da Kubrick, se volete cinematograficamente crescere, proprio come ho fatto io, e non perdetevi questo film immenso, ve lo consiglio col cuore.




Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.