Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci + Cineclassics - Orizzonti di Gloria

Non so quali parole esatte usare per esprimere quello che ho provato durante la visione...
Spesso le recensioni vengono meglio se si ci lascia andare al fiume di parole che scorrono tra le dita sulla tastiera, anche perché viene più facile lasciarsi trasportare dalle emozioni.
Per un film di guerra? Si esatto...
E solo i grandi  sanno tirare fuori le emozioni, non ci credete? Guardate la scena della ragazza che canta una canzone tedesca e poi mi dite.

Kubrick ha sempre fatto film che criticavano in un certo senso la bramosia dell'uomo e la sua fame di sete e di conquista tema ricorrente nei due film di guerra che ha girato, questo e il mitico Full Metal Jacket, che tra qualche settimana apparirà alla fabbrica.
Un film che dura pochissimo, e in quel poco tempo c'è dentro tutta la ceca follia di un generale che intende fare una azione suicida, dove i suoi uomini non ce la possono fare a tornare a casa sani e salvi, una follia.
In pratica è una azione impossibile, dato che il nemico ha una barriera praticamente inespugnabile, soltanto uno di loro si dirà contrario...ma ovviamente per questa azione suicida, non sarà chi l'ha ideata a pagare, ma coloro che vi hanno partecipato.
Film antimilitarista, che ho letto è stato censurato in Francia, non ho ben capito per quale motivo, comunque sia nei suoi quasi novanta minuti di durata, Kubrick è riuscito a esprimere tutta la follia della guerra.
L'uomo visto come essere piccolissimo, che non intende arrendersi anche a costo di perdere i suoi uomini soltanto per conquistare, distruggere e uccidere.
Questo è il tema di un film a me particolarmente caro, che ho rivisto nello special dedicato al grandissimo Kubrick, per farlo ricominciare e completare, la sua filmografia alla fabbrica, che deve essere interamente recensita, per la gioia di voi tutti amici che mi seguite.
Per quanto mi riguarda, un cinefilo DEVE vedere questo film, perché oltre ad essere imprescindibile per ogni appassionato divoratore di film che si rispetti, è un titolo fondamentale che non può certamente mancare in una collezione cinefila che si rispetti.
Quindi amici, se volete conoscere chi ha fatto la storia della settima arte, cominciate da Kubrick, se volete cinematograficamente crescere, proprio come ho fatto io, e non perdetevi questo film immenso, ve lo consiglio col cuore.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.