Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - Mondo Candido

                                                       Speciale Exploitation

Torna alla fabbrica la coppia Jacopetti e Prosperi per lo speciale sul cinema d'exploitation di ogni sabato.
Mondo Candido non è certamente il classico prodotto di genere mondo, ma un film vero e proprio.
Leggevo durante la visione dall'amico Robydick vera fonte di ispirazione per me, per la scoperta di film e perle da visionare e revisionare sempre, che è tratto dall'opera letterale Il Candido di Voltaire.
Certo per chi è abituato al cinema odierno, vedere Mondo Candido potrebbe far storcere il naso a chiunque sia per la regia, sia per la storia e come è destrutturato il film. La storia parla di un ragazzo che vive nel castello di un barone, è un ragazzo puro, pulito e come dice il suo stesso nome candido.
Egli pensa che il mondo sia il miglior posto possibile, ma quando Candido viene sorpreso a fare del cunnilingus a Comaghina il barone lo caccia via e così il giovane deve esplorare e conoscere quel mondo che ritiene giusto.
La trasposizione fatta dal duo Jacopetti e Prosperi è molto libera, si capisce benissimo che hanno fatto un film alla loro maniera, e colpisce, soprattutto per via delle infinite ispirazione che hanno espresso per la realizzazione del film.
si va da Ken Russell a Jodorowsky, anche se è un vero e proprio film con una storia che cammina con le sue gambe, e che a tratti mi ha ricordato persino il Pasolini de Il Decameron per le scene erotiche che nonostante tutto non mi hanno infastidita, anzi, semmai il contrario, il tutto è sempre rappresentato in modo candido e pulito.
Quando scopre che il barone e la sua famiglia sono morti ne rimane colpito.
Di sesso ce ne è parecchio, il film comunque è inclassificabile, perché si cammina da diverse epoche, dal settecento al 1975 che è l'anno in cui è stato girato il film, con candido che insegue sempre la sua Comaghina, che poi scopre che lei è diventata una prostituta e soddisfa quattro uomini contemporaneamente.
In sostanza un film che sprizza sia innocenza, girata come se il mondo in cui vive Candido sia la classica campana di vetro, e poi con uno stile registico unico e realistico, come sempre adottato dalla coppia di registi, fanno una spietata analisi sul mondo reale, in un viaggio onirico e surreale, che difficilmente potrebbe piacere a tutti lo dico subito.
La particolarità del film si concentra appunto sulla fiction, è si un film vero e proprio, ma che mischia anche il genere mondo con l'esplorazione del mondo che lui crede "perfetto".
Per quanto mi riguarda la visione è stata un esperienza, che senza dubbio mi ha fatto esplorare un mix di generi messi tutti insieme, si va dalla commedia sexy, alla sexploitation, allo psichedellico, al surreale, dal drammatico al film di guerra...insomma avete capito, e da quanto ho letto da Robydick, sembra sia stato - ma il condizionale è d'obbligo - un film sfortunato, anche perché è stato preso in esame per diversi processi durante gli anni di piombo.
Mi sono divertita durante la visione lo ammetto, sono sicura che anche voi lo apprezzerete se lo guardate senza pregiudizi aspettandovi chissà quale cosa.




Commenti

  1. Pensavo che fosse uno dei classici documentari "Mondo", non credevo fosse un film grottesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh diciamo che non è proprio grottesco nel senso stretto del termine, è un film mondo ma è anche fiction, commedia, psichedelico, surealista etc etc etc...

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.