Passa ai contenuti principali

Million Dollar Baby - Clint Eastwood Day

Secondo compleanno da festeggiare questo mese, la fabbrica celebra uno dei suoi registi preferiti, il mitico Clint Eastwood, che oggi compie la bellezza di 83 anni, e insieme a diversi blogger, a deciso di rendergli omaggio nel giorno del suo compleanno.
La fabbrica dei sogni ha scelto Million Dollar Baby come recensione collettiva per celebrarlo.
Bene innanzitutto devo dire che si tratta di uno di quei film in cui capisci subito di avere davanti un capolavoro, non tanto per il coinvolgimento della storia, ma perchè ha una cosa che a molti film manca: da emozioni.
E le emozioni che sono dentro Million Dollar Baby, sono autentiche e viscerali.
Protagonista è un vecchio allenatore di pugilato, Frankie Dunn - Interpretato dallo stesso Eastwood -  in cui un giorno si presenta nella sua palestra una ragazza, Maggie Fitzgerald - una bravissima Hillary Swank - che intende diventare una boxeur, all'inizio il vecchio allenatore è diffidente, secondo lui una donna non dovrebbe boxare, ma occuparsi di cose più vicine a lei, ma poi capisce il vero talento della ragazza - che nel frattempo con ostinazione si impone fino a convincerlo - e decide di allenarla.
Tra i due ci sarà un rapporto all'inizio difficile, ma poi piano piano si instaurerà un rapporto filiale che li legherà affettivamente, conoscerà anche la situazione familiare della ragazza, gente egoista e subdola che intende prendere soltanto i soldi di Maggie, questo manda in bestia Frankie, che nel frattempo si è affezzionato alla ragazza, e ha per lei un affetto che va  aldilà dell'amore, ma anche lui ha un segreto, sono molti anni che non vede sua figlia, e questo è per lui un chiodo nel cuore, e l'arrivo di Maggie gli ha un po' insegnato la cosa più importante del mondo: l'amore verso il prossimo. E non intendo l'amore fisico tra due innamorati, ma l'amore tra un padre e una figlia.
Ben presto Maggie diventa una campionessa nella boxe e cominciano ad arrivare i primi guadagni, e con tutto questo potrebbe lasciare il suo lavoro di cameriera per dedicarsi completamente alla boxe, ma le cose non vanno come vorrebbe lei, perchè durante un incontro, un altra pugilessa dopo che lei ha avuto la meglio, le sferra un pugno prendendola a sorpresa e maggie sbatte il collo sullo sgabello, per la ragazza sarà una paralisi permanente.
Ma la salute invece che migliorare peggiora, e Frankie prenderà una decisione difficile che lo segnerà per il resto della vita.
Un film immenso, cos'altro dire? Clint Eastwood, da quel grandissimo regista qual'è, dirige un film intenso e commovente, prendendo come protagonista la bravissima Hillary Swank, che con questo ruolo vince il suo secondo oscar.
Dopo Mystic River, Eastwood sforna un altro capolavoro degno di rappresentarlo come uno dei massimi registi mondiali di sempre, il film è dotato di una regia perfetta e di una recitazione che colpisce a primo colpo.
Qui si vede tutta la maestria del grande Clint Eastwood, che sceglie di dirigere un film difficile e complesso, ma allo stesso tempo toccante come pochi, mettendo il tema dell'eutanasia, per molti da condannare ma per altri forse una via d'uscita da una vita di sofferenze ingiuste per un essere umano.
Noi spettatori non possiamo giudicare, perchè la grande bravura di Eastwood è quella di creare l'empatia nello spettatore, e di cercare di farlo entrare dentro la storia, e provare le sensazioni e i sentimenti dei protagonisti, e ci sono proprio tutti, amore, odio, avidità, superficialità, tutti quanti.
Alla fine ti rendi conto che Frankie, fa la sua scelta per amore, e non ti viene mai in mente di giudicarlo o condannarlo, perchè lo spettatore ha vissuto fianco a fianco ai protagonisti del film, e se questo è poco...
In conclusione, un capolavoro, non c'è nient'altro da dire.
Buona visione.



Commenti

  1. Capolavoro. Che film. Che attori. Che doppiaggio (sono un patito se non si era capito).
    Buon CED :)

    RispondiElimina
  2. Uno dei rari film che è riuscito ad emozionarmi sul serio.
    Buon ced!

    RispondiElimina
  3. Gran film.
    Devo decidermi a rivederlo.

    RispondiElimina
  4. Un bellissimo film che ci emoziona tutte le volte che lo si rivede , con due grandi attori che lo rendono indimenticabile..
    Pensare al primo Clint durante il periodo
    "Spaghetti western" quando Leone lo definiva con solo due espressioni, ci sembra la più grande assurdità di questo mondo ....
    Buon week-end!

    RispondiElimina
  5. Forse il miglior Clint degli ultimi anni...

    RispondiElimina
  6. Un Capolavoro, senza se e senza ma, ed uno dei migliori film di Clint.
    Buon CED! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ford, in questo andiamo molto daccordo...:)

      Elimina
  7. Vergognosamente perso, ahimé!
    Recupererò anche questo, buon Clint Eastwood Day!!

    RispondiElimina
  8. Quando guardo sto film è un pianto continuo, bellissimo ma terribilmente crudele. Lo amo. Buon CED

    RispondiElimina
  9. Buon CE day! mi sono aggiunto da lentipede...qui il link http://bradipofilms.blogspot.it/2013/05/hereafter-2010.html

    RispondiElimina
  10. Da pelle d'oca. E' uno di quei film che non si può paragonare a niente, è unico! Buon CED!

    RispondiElimina
  11. Secondo me il film più bello di Clint!! Avrei voluto farlo io, ma mi hai battuto sul tempo e hai fatto un ottimo lavoro! Buon CED!

    RispondiElimina
  12. Lacrime a fiumi e con tanto di singhiozzi!
    Ottima scelta, e Buon CED!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…