Passa ai contenuti principali

Sugarland Express

Film considerato minore di Steven Spielberg, ma non per questo meno importante.
Intanto è tratto da un fatto realmente accaduto in america negli anni settanta, a una coppia che è finita in carcere e ha perso la custodia della figlioletta.
La moglie per riavere indietro la piccola, fa evadere dal carcere il marito per andarsela a prendere, ma le cose non finiranno come sperano.
Sinceramente un film toccante, lontanissimo dai blockbuster con cui Spielberg ha abituato il suo pubblico.
E' sicuramente un piccolo cult movie di quelli che con il tempo vengono riscoperti e portati alla luce dai cinefili, Goldie Hawn, solitamente attrice brillante, in questo film ha un ruolo drammatico ha fatto uscire un lato di se davvero inedito.
Ciò che colpisce è l'assoluto amore di questi due genitori, capaci di sfidare chiunque per ricostruire la loro famiglia, anche se dovessero trovare persino la morte.
Ma è anche rischioso perchè così rischiano di non riavere la loro bambina, ma loro non si preoccupano di questo, il loro obiettivo è riunire la loro famiglia, e lo fanno lo stesso.
Un film drammatico e tenero allo stesso tempo, uno di quei film che ti sorprendono con poche scene e che rimangono impressi nel cuore.
A suo tempo non è stato un successo commerciale, ma ciò che colpisce è l'assoluto amore di due genitori pronti a tutto pur di riabbracciare la loro bambina.
Steven Spielberg al suo meglio, e anche con questo piccolo film riesce nell'intento di colpire, anche se lo fa piano piano, come per sussurrare, piuttosto che chiedere la tua attenzione come succede con altri film da lui diretti.
Film minore si, ma che rivela un lato inedito e sorprendente di un regista che sta crescendo piano piano, il che non è poco, anzi...direi che è un bel passo in avanti, perchè di solito non è il successo a rivelare un autore, ma soprattutto quei piccoli film ignorati dal grande pubblico, ma capaci di colpire fin nel profondo che vengono riscoperti con gli anni.
APPETITOSO


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.