Passa ai contenuti principali

Il lato positivo - Silver Linings Playbook

Pat è appena uscito da una clinica psichiatrica, dove è stato ricoverato a causa di un disturbo bipolare, ora deve ricominciare la sua vita e per cominciare vuole ricostruire il suo rapporto con la sua ex moglie.
Il problema è che Pat ha perso tutto, moglie, lavoro casa a causa dei suoi problemi, e c'è una ordinanza restrittiva partita dalla moglie, come fare per ricostruire i rapporti? Ci pensa Tiffany, che gli fa una proposta: se lui la fa partecipare a una gara di ballo, lei manderà la sua lettera a sua moglie, il ragazzo deve fare i conti con un padre che non sa come prenderlo, e un fratello in cui sente troppo il peso della competizione...ma forse Tiffany ha in serbo qualcosa di speciale...

E' un film particolare, che mi ha colpito, non è facile ricominciare daccapo quando hai perso completamente tutto. Il protagonista interpretato da un bravissimo Bradley Cooper che era nella compagnia sicuramente di una notte da leoni, fa una interpretazione davvero sorprendente, altrettanto brava è Jennifer Lawrence, che con questo ruolo ha vinto il suo primo oscar come attrice protagonista.
Quello che più colpisce, non è tanto la storia in se, in cui ci possiamo identificare tutti, ma è la caratterizzazione dei personaggi, mi spiego meglio il plot è originale e intrigante, chi dice che la speranza è l'ultima a morire forse ha ragione, dato che Pat e Tiffany alla fine si innamorano, solo che per accettare la nuova storia bisogna chiudere con il passato e accorgersi che in realtà è ormai una storia chiusa.
Pat dovrà fare un percorso interiore e riacquistare fiducia speranza nel prossimo, è di fronte a un bivio, in cui ci accorgiamo che quello di cui abbiamo bisogno è lì accanto a noi, ed è questa la scintilla che fa ricominciare.
Da sottolineare la parte di Robert De Niro, che pur restando un personaggio di contorno, riesce a caratterizzare questo padre buono di carattere, ma che non sa come rapportarsi con il figlio, la madre anche lei cerca di stargli vicino ed è interpretata da Jackie Weaver.
In sostanza è un film tutto da vedere, che comunica speranza, comprensione e capacità di immedesimazione con il protagonista, inoltre è tratto da un romanzo di Matthew Quick, L'orlo argenteo delle nuvole.
L'origine letteraria forse farà storcere il naso a chi ha letto il libro, ma io dico rilassatevi e divertitevi davanti al film, che seppur con qualche taglio, è ovvio che il regista deve dare il suo tocco all'opera cinematografica.
In conclusione, film adatto a chi si trova davanti a un percorso personale di scelte e di cambiamenti, - io ne so qualcosa - e a chi non ha mai perso la speranza di una vita migliore.
DA NON PERDERE.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.