Passa ai contenuti principali

Il lato positivo - Silver Linings Playbook

Pat è appena uscito da una clinica psichiatrica, dove è stato ricoverato a causa di un disturbo bipolare, ora deve ricominciare la sua vita e per cominciare vuole ricostruire il suo rapporto con la sua ex moglie.
Il problema è che Pat ha perso tutto, moglie, lavoro casa a causa dei suoi problemi, e c'è una ordinanza restrittiva partita dalla moglie, come fare per ricostruire i rapporti? Ci pensa Tiffany, che gli fa una proposta: se lui la fa partecipare a una gara di ballo, lei manderà la sua lettera a sua moglie, il ragazzo deve fare i conti con un padre che non sa come prenderlo, e un fratello in cui sente troppo il peso della competizione...ma forse Tiffany ha in serbo qualcosa di speciale...

E' un film particolare, che mi ha colpito, non è facile ricominciare daccapo quando hai perso completamente tutto. Il protagonista interpretato da un bravissimo Bradley Cooper che era nella compagnia sicuramente di una notte da leoni, fa una interpretazione davvero sorprendente, altrettanto brava è Jennifer Lawrence, che con questo ruolo ha vinto il suo primo oscar come attrice protagonista.
Quello che più colpisce, non è tanto la storia in se, in cui ci possiamo identificare tutti, ma è la caratterizzazione dei personaggi, mi spiego meglio il plot è originale e intrigante, chi dice che la speranza è l'ultima a morire forse ha ragione, dato che Pat e Tiffany alla fine si innamorano, solo che per accettare la nuova storia bisogna chiudere con il passato e accorgersi che in realtà è ormai una storia chiusa.
Pat dovrà fare un percorso interiore e riacquistare fiducia speranza nel prossimo, è di fronte a un bivio, in cui ci accorgiamo che quello di cui abbiamo bisogno è lì accanto a noi, ed è questa la scintilla che fa ricominciare.
Da sottolineare la parte di Robert De Niro, che pur restando un personaggio di contorno, riesce a caratterizzare questo padre buono di carattere, ma che non sa come rapportarsi con il figlio, la madre anche lei cerca di stargli vicino ed è interpretata da Jackie Weaver.
In sostanza è un film tutto da vedere, che comunica speranza, comprensione e capacità di immedesimazione con il protagonista, inoltre è tratto da un romanzo di Matthew Quick, L'orlo argenteo delle nuvole.
L'origine letteraria forse farà storcere il naso a chi ha letto il libro, ma io dico rilassatevi e divertitevi davanti al film, che seppur con qualche taglio, è ovvio che il regista deve dare il suo tocco all'opera cinematografica.
In conclusione, film adatto a chi si trova davanti a un percorso personale di scelte e di cambiamenti, - io ne so qualcosa - e a chi non ha mai perso la speranza di una vita migliore.
DA NON PERDERE.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.