Passa ai contenuti principali

Jack Reacher, la prova decisiva

Tom Cruise di nuovo in un film d'azione.
Svestiti i panni dell'agente Ethan Hunt, ora veste quelli di Jack Reacer, principale indiziato dell'omicidio di cinque persone, che vengono uccise apparentemente senza alcun motivo.
Arrestato tiratore addestrato, che viene incastrato, questi prima di finire in coma fa un solo nome: Jack Reacher.
Allora la polizia si mette nelle sue tracce, e una ragazza figlia di un uomo politico potente che gli fa da avvocato e insieme a lui svolge le indagini con la polizia: quello che scopriranno andrà aldilà della loro immaginazione, Reacher è stato coinvolto in un gioco più grande di lui per coprire alcuni imbrogli orditi da personaggi coinvolti nella politica.

Sembrerebbe l'ennesimo film d'azione, eppure nonostante i difetti è un film che coinvolge parecchio il pubblico, certo Tom Cruise ha fatto di meglio, e il personaggio di Jack Reacher di certo non fa rimpiangere il suo agente Ethan Hunt, eppure l'adrenalina è palpabile.
Come prodotto di intrattenimento sa fare il suo lavoro, alla regia abbiamo un tizio come Christopher McQuarrie, che è conosciuto soprattutto per la sceneggiatura de I soliti sospetti, di Bryan Singer, con questo film che è di qualità discreta e piacevole, ottimo per una serata scacciapensieri, ma in un attore come Tom Cruise, che in passato ha dato prove magistrali, mi aspetto altro, perchè ha del talento, e nonostante fa il suo buon lavoro, si ha la sensazione che alleggi il fantasma di Ethan Hunt, per tutta la durata del film.
Brava anche Rosamunde Pike, nel suo ruolo di avvocato onesto, che prima cerca di capire la situazione, e poi diventa in un certo senso complice di Jack Reacher, per scoprire l'intricato ingrippo in cui è stato coinvolto.
Jack Reacher non è colpevole dell'omicidio di quelle persone, come si vuole fare credere, ma di altre, e dovranno usare tutti gli stratagemmi possibili per scoprire cosa si nasconde dietro questa falsa accusa.
Tra i difetti c'è uno stile piuttosto a rilento, certe volte ci sono scene che sarebbe stato meglio smaltire per rendere più fluibile la visione, una regia che vuole essere avvincente ma certamente non lo è, apparte questo credo che dosare nel modo giusto sarebbe stato meglio, il regista in poche parole vorrebbe fare un altro film tutto adrenalinico ma ci riesce in parte, perchè è incapace di dare una sua impronta e comprimerla con uno stile capace di bucare lo schermo.
Mi spiego meglio il film non è noioso, ma se si curavano alcune cose come quelle che ho elencato sarebbe stato ottimo.
NON MALE...


Commenti

  1. Buon prodotto di intrattenimento, niente più:)

    RispondiElimina
  2. per me invece è alquanto noioso, soprattutto nell'estenuante parte finale.
    un tom cruise action ormai fuori tempo massimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fantasma di Ethan Hunt alleggia presente per tutto il film ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.