Passa ai contenuti principali

Jack Reacher, la prova decisiva

Tom Cruise di nuovo in un film d'azione.
Svestiti i panni dell'agente Ethan Hunt, ora veste quelli di Jack Reacer, principale indiziato dell'omicidio di cinque persone, che vengono uccise apparentemente senza alcun motivo.
Arrestato tiratore addestrato, che viene incastrato, questi prima di finire in coma fa un solo nome: Jack Reacher.
Allora la polizia si mette nelle sue tracce, e una ragazza figlia di un uomo politico potente che gli fa da avvocato e insieme a lui svolge le indagini con la polizia: quello che scopriranno andrà aldilà della loro immaginazione, Reacher è stato coinvolto in un gioco più grande di lui per coprire alcuni imbrogli orditi da personaggi coinvolti nella politica.

Sembrerebbe l'ennesimo film d'azione, eppure nonostante i difetti è un film che coinvolge parecchio il pubblico, certo Tom Cruise ha fatto di meglio, e il personaggio di Jack Reacher di certo non fa rimpiangere il suo agente Ethan Hunt, eppure l'adrenalina è palpabile.
Come prodotto di intrattenimento sa fare il suo lavoro, alla regia abbiamo un tizio come Christopher McQuarrie, che è conosciuto soprattutto per la sceneggiatura de I soliti sospetti, di Bryan Singer, con questo film che è di qualità discreta e piacevole, ottimo per una serata scacciapensieri, ma in un attore come Tom Cruise, che in passato ha dato prove magistrali, mi aspetto altro, perchè ha del talento, e nonostante fa il suo buon lavoro, si ha la sensazione che alleggi il fantasma di Ethan Hunt, per tutta la durata del film.
Brava anche Rosamunde Pike, nel suo ruolo di avvocato onesto, che prima cerca di capire la situazione, e poi diventa in un certo senso complice di Jack Reacher, per scoprire l'intricato ingrippo in cui è stato coinvolto.
Jack Reacher non è colpevole dell'omicidio di quelle persone, come si vuole fare credere, ma di altre, e dovranno usare tutti gli stratagemmi possibili per scoprire cosa si nasconde dietro questa falsa accusa.
Tra i difetti c'è uno stile piuttosto a rilento, certe volte ci sono scene che sarebbe stato meglio smaltire per rendere più fluibile la visione, una regia che vuole essere avvincente ma certamente non lo è, apparte questo credo che dosare nel modo giusto sarebbe stato meglio, il regista in poche parole vorrebbe fare un altro film tutto adrenalinico ma ci riesce in parte, perchè è incapace di dare una sua impronta e comprimerla con uno stile capace di bucare lo schermo.
Mi spiego meglio il film non è noioso, ma se si curavano alcune cose come quelle che ho elencato sarebbe stato ottimo.
NON MALE...


Commenti

  1. Buon prodotto di intrattenimento, niente più:)

    RispondiElimina
  2. per me invece è alquanto noioso, soprattutto nell'estenuante parte finale.
    un tom cruise action ormai fuori tempo massimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fantasma di Ethan Hunt alleggia presente per tutto il film ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.