Passa ai contenuti principali

Indiana Jones e il tempio maledetto

E siamo al secondo capitolo della trilogia di Indiana Jones, ma più che sequel si tratta di un prequel, ovvero di cose accadute prima del primo episodio.
Così ritroviamo il nostro amico Indy, alle prese con una  maledizione da spezzare, ci riuscirà? Innanzitutto devo dire che questa seconda puntata è la più spettacolare della serie, lo si nota dalla scena musical iniziale, si avete capito bene, ma attenzione, non è  un musical, ha solo questa parte iniziale, ma l'avventura, l'azione e il divertimento sono garantiti.
Spielberg, da autentico maestro del cinema qual'è, conosce bene le regole di un film d'avventura, e soprattutto del cinema di intrattenimento, e confeziona un film avvincente sin dalle prime scene, un piccolo capolavoro nato grazie alla collaborazione di un altro maestro del cinema, George Lucas.
E ne esce fuori un franchise che ha fatto la storia del cinema degli anni ottanta e non solo, perchè la saga di Indy, è entrata di diritto negli annali della storia del cinema, esattamente come la Lucasiana di Star Wars, e non c'è da stupirsi di tanto successo.
Innanzitutto qui Harrison Ford è in forma smagliante, poi accanto a lui c'è anche Kate Capshaw, che era appena sposata con Spielberg, e fa la coprotagonista del film.
E così il nostro archeologo a caccia di avventura, sguaina ancora la sua frusta, per spezzare una maledizione che si trascina da secoli, e salvare il popolo di un villaggio vessato da un despota che controlla la maledizione e ne approfitta.
Indy e Willy, sono aiutati da un ragazzino cinese che li guida per spezzare l'antica maledizione e riportare il popolo del villaggio alla libertà, riusciranno i nostri eroi nel loro intento e ristabilizzeranno gli equilibri facendo in modo che il male vada via?
Per saperlo dovete prendere il dvd e guardarlo.
Buona visione.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.