Passa ai contenuti principali

Ringu - The Ring

The Ring, lo conoscete vero? Ma si il film con Naomi Watts uscito diversi anni fa, ecco quello che sto per recensire è il film originale.
Esattamente è un film che ha molte differenze rispetto all'opera di Gore Verbinski.
Innanzitutto il colpevole è differente in questo film rispetto al remake americano, poi la figura ambigua della madre che crea molta tensione e una maledizione che può solo essere spezzata ascoltando cosa è successo a  Sadako.
Tra una settimana morirai, sembra l'inizio di una leggenda metropolitana abbastanza verosimile, non a caso il film è tratto dal romanzo di Koj Suzuki, considerato lo Stephen King giapponese.
In giappone questo film ha dato inizio al filone del J-Horror, che ha tanto da insegnare ai cineasti occidentali, ormai capaci solo si replicare invece che di inventare.
Ve lo dico subito: Che film!!!
Non c'è nulla nulla che viene lasciato al caso, Hideo Nakata è riuscito a creare un film capace di stenderti dal panico, sfido chiunque a vedere Sadako che esce dalla tv e restare tranquilli.
Una trama intricatissima ma capace di tenerti incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e un mistero quello della morte di Sadako, che deve essere risolto, ma come fare?
Ci pensa una giornalista che deve lottare contro il tempo per capire come deve salvare suo figlio, e vede morire anche il suo ex compagno per via di quella cassetta.
Ringu non è un semplice horror, ma bisogna decifrarlo e indagare su quella che sembra una banale cassetta capace di portare un presagio di morte a chi la trova, trovare una via d'uscita non sarà facile.
Anche se forse lo spirito di Sadako vuole solo essere ascoltata e la sua storia tramandata, affinchè possa trovare la pace.
Il film è tutto psicologico, e non è mai gratuito o superficiale, lo spettatore viene coinvolto nella decifrazione del mistero e di conseguenza lo spezzare della maledizione.
Un cult assoluto, che alla sua uscita in patria ha superato negli incassi il megablockbuster di Matrix, e ha dato vita a una serie di rappresentazioni, serie tv etc etc...che hanno portato il personaggio di Sadako a icona horror.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. per una volta ho preferito il remake, secondo me meglio recitato a realizzato.
    questo non è male, ma mi ha spaventato di meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? In effetti il remake ha + atmosfera...ma la scena di sadako che esce dal televisore e guarda con gli occhi spalancati la sua vittima fa gelare il sangue brrr!!!

      Elimina
  2. Io invece preferisco l'originale, così come ho preferito Ju-On rispetto a "The Grudge". Di Ring vale la pena recuperare anche il prequel e il sequel. Sono vere pietre miliari (anche se ormai questo genere di J-Horror, va detto, è stato ormai abusato e stra-abusato)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.