sabato 4 maggio 2013

Ringu - The Ring

The Ring, lo conoscete vero? Ma si il film con Naomi Watts uscito diversi anni fa, ecco quello che sto per recensire è il film originale.
Esattamente è un film che ha molte differenze rispetto all'opera di Gore Verbinski.
Innanzitutto il colpevole è differente in questo film rispetto al remake americano, poi la figura ambigua della madre che crea molta tensione e una maledizione che può solo essere spezzata ascoltando cosa è successo a  Sadako.
Tra una settimana morirai, sembra l'inizio di una leggenda metropolitana abbastanza verosimile, non a caso il film è tratto dal romanzo di Koj Suzuki, considerato lo Stephen King giapponese.
In giappone questo film ha dato inizio al filone del J-Horror, che ha tanto da insegnare ai cineasti occidentali, ormai capaci solo si replicare invece che di inventare.
Ve lo dico subito: Che film!!!
Non c'è nulla nulla che viene lasciato al caso, Hideo Nakata è riuscito a creare un film capace di stenderti dal panico, sfido chiunque a vedere Sadako che esce dalla tv e restare tranquilli.
Una trama intricatissima ma capace di tenerti incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e un mistero quello della morte di Sadako, che deve essere risolto, ma come fare?
Ci pensa una giornalista che deve lottare contro il tempo per capire come deve salvare suo figlio, e vede morire anche il suo ex compagno per via di quella cassetta.
Ringu non è un semplice horror, ma bisogna decifrarlo e indagare su quella che sembra una banale cassetta capace di portare un presagio di morte a chi la trova, trovare una via d'uscita non sarà facile.
Anche se forse lo spirito di Sadako vuole solo essere ascoltata e la sua storia tramandata, affinchè possa trovare la pace.
Il film è tutto psicologico, e non è mai gratuito o superficiale, lo spettatore viene coinvolto nella decifrazione del mistero e di conseguenza lo spezzare della maledizione.
Un cult assoluto, che alla sua uscita in patria ha superato negli incassi il megablockbuster di Matrix, e ha dato vita a una serie di rappresentazioni, serie tv etc etc...che hanno portato il personaggio di Sadako a icona horror.
DA NON PERDERE


3 commenti:

  1. per una volta ho preferito il remake, secondo me meglio recitato a realizzato.
    questo non è male, ma mi ha spaventato di meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? In effetti il remake ha + atmosfera...ma la scena di sadako che esce dal televisore e guarda con gli occhi spalancati la sua vittima fa gelare il sangue brrr!!!

      Elimina
  2. Io invece preferisco l'originale, così come ho preferito Ju-On rispetto a "The Grudge". Di Ring vale la pena recuperare anche il prequel e il sequel. Sono vere pietre miliari (anche se ormai questo genere di J-Horror, va detto, è stato ormai abusato e stra-abusato)

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...