Passa ai contenuti principali

Ringu - The Ring

The Ring, lo conoscete vero? Ma si il film con Naomi Watts uscito diversi anni fa, ecco quello che sto per recensire è il film originale.
Esattamente è un film che ha molte differenze rispetto all'opera di Gore Verbinski.
Innanzitutto il colpevole è differente in questo film rispetto al remake americano, poi la figura ambigua della madre che crea molta tensione e una maledizione che può solo essere spezzata ascoltando cosa è successo a  Sadako.
Tra una settimana morirai, sembra l'inizio di una leggenda metropolitana abbastanza verosimile, non a caso il film è tratto dal romanzo di Koj Suzuki, considerato lo Stephen King giapponese.
In giappone questo film ha dato inizio al filone del J-Horror, che ha tanto da insegnare ai cineasti occidentali, ormai capaci solo si replicare invece che di inventare.
Ve lo dico subito: Che film!!!
Non c'è nulla nulla che viene lasciato al caso, Hideo Nakata è riuscito a creare un film capace di stenderti dal panico, sfido chiunque a vedere Sadako che esce dalla tv e restare tranquilli.
Una trama intricatissima ma capace di tenerti incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e un mistero quello della morte di Sadako, che deve essere risolto, ma come fare?
Ci pensa una giornalista che deve lottare contro il tempo per capire come deve salvare suo figlio, e vede morire anche il suo ex compagno per via di quella cassetta.
Ringu non è un semplice horror, ma bisogna decifrarlo e indagare su quella che sembra una banale cassetta capace di portare un presagio di morte a chi la trova, trovare una via d'uscita non sarà facile.
Anche se forse lo spirito di Sadako vuole solo essere ascoltata e la sua storia tramandata, affinchè possa trovare la pace.
Il film è tutto psicologico, e non è mai gratuito o superficiale, lo spettatore viene coinvolto nella decifrazione del mistero e di conseguenza lo spezzare della maledizione.
Un cult assoluto, che alla sua uscita in patria ha superato negli incassi il megablockbuster di Matrix, e ha dato vita a una serie di rappresentazioni, serie tv etc etc...che hanno portato il personaggio di Sadako a icona horror.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. per una volta ho preferito il remake, secondo me meglio recitato a realizzato.
    questo non è male, ma mi ha spaventato di meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? In effetti il remake ha + atmosfera...ma la scena di sadako che esce dal televisore e guarda con gli occhi spalancati la sua vittima fa gelare il sangue brrr!!!

      Elimina
  2. Io invece preferisco l'originale, così come ho preferito Ju-On rispetto a "The Grudge". Di Ring vale la pena recuperare anche il prequel e il sequel. Sono vere pietre miliari (anche se ormai questo genere di J-Horror, va detto, è stato ormai abusato e stra-abusato)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.