Passa ai contenuti principali

Ringu - The Ring

The Ring, lo conoscete vero? Ma si il film con Naomi Watts uscito diversi anni fa, ecco quello che sto per recensire è il film originale.
Esattamente è un film che ha molte differenze rispetto all'opera di Gore Verbinski.
Innanzitutto il colpevole è differente in questo film rispetto al remake americano, poi la figura ambigua della madre che crea molta tensione e una maledizione che può solo essere spezzata ascoltando cosa è successo a  Sadako.
Tra una settimana morirai, sembra l'inizio di una leggenda metropolitana abbastanza verosimile, non a caso il film è tratto dal romanzo di Koj Suzuki, considerato lo Stephen King giapponese.
In giappone questo film ha dato inizio al filone del J-Horror, che ha tanto da insegnare ai cineasti occidentali, ormai capaci solo si replicare invece che di inventare.
Ve lo dico subito: Che film!!!
Non c'è nulla nulla che viene lasciato al caso, Hideo Nakata è riuscito a creare un film capace di stenderti dal panico, sfido chiunque a vedere Sadako che esce dalla tv e restare tranquilli.
Una trama intricatissima ma capace di tenerti incollato alla poltrona dall'inizio alla fine, e un mistero quello della morte di Sadako, che deve essere risolto, ma come fare?
Ci pensa una giornalista che deve lottare contro il tempo per capire come deve salvare suo figlio, e vede morire anche il suo ex compagno per via di quella cassetta.
Ringu non è un semplice horror, ma bisogna decifrarlo e indagare su quella che sembra una banale cassetta capace di portare un presagio di morte a chi la trova, trovare una via d'uscita non sarà facile.
Anche se forse lo spirito di Sadako vuole solo essere ascoltata e la sua storia tramandata, affinchè possa trovare la pace.
Il film è tutto psicologico, e non è mai gratuito o superficiale, lo spettatore viene coinvolto nella decifrazione del mistero e di conseguenza lo spezzare della maledizione.
Un cult assoluto, che alla sua uscita in patria ha superato negli incassi il megablockbuster di Matrix, e ha dato vita a una serie di rappresentazioni, serie tv etc etc...che hanno portato il personaggio di Sadako a icona horror.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. per una volta ho preferito il remake, secondo me meglio recitato a realizzato.
    questo non è male, ma mi ha spaventato di meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? In effetti il remake ha + atmosfera...ma la scena di sadako che esce dal televisore e guarda con gli occhi spalancati la sua vittima fa gelare il sangue brrr!!!

      Elimina
  2. Io invece preferisco l'originale, così come ho preferito Ju-On rispetto a "The Grudge". Di Ring vale la pena recuperare anche il prequel e il sequel. Sono vere pietre miliari (anche se ormai questo genere di J-Horror, va detto, è stato ormai abusato e stra-abusato)

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

Pretty Little Liars - Stagione 6

  Serie perfetta per un Guilty Pleasure, però stavolta vorrei fare una seria recensione, per quanto mi è possibile. Non ho mai nascosto che Pretty Little Liars mi diverte, però alla lunga che noia... E' sempre la solita storia che si ripete, annata dopo annata senza mai arrivare a un punto. Dopo lo smascheramento di A da parte delle Liars, eccone spuntare un altra, spuntano come funghi, la storia è divisa tra quando vengono imprigionate da A, che poi sarebbe Charles Di Laurentiis  diventato Charlotte Di Laurentiis , e questi gioca con loro, finalmente si scopre chi è che perseguita le cinque amiche, Charlotte viene imprigionata e passano cinque anni...e un nuovo stalker ricomincia la tiritera, perché vuole l'assassino di Charlotte . Ok, credo che a volte è meglio fare poche stagioni ma buone, che tante per allungare il sugo senza alcun motivo. Perché sembra che sia una serie dejavù, dove le cinque protagoniste vengono perseguitate in continuazione, al loro posto sarei andata in

#LaPromessa2022 - A Hidden Life - Una Vita Nascosta

 Questa è la storia di un uomo coraggioso, Franz Jagerstratter che non si è piegato davanti a Hitler , e ha tenuto fede alla sua parole fino in fondo, arrivando persino ad essere condannato a morte e impiccato, perché? Perchè doveva giurare fedeltà a quel bastardo di Hitler, di conseguenza si è rifiutato di arruolarsi nel suo esercito. Le conseguenze arrivano dai vicini e abitanti del villaggio dove sua moglie e le sue figlie vengono trattate come appestate, ma lui non cede e manda avanti la sua scelta per le sue convinzioni cattoliche, per via della sua coscienza, e del mondo intorno a lui, dove si accorge che il terzo reich è sbagliato e allora decide di non fare quello che fanno tutti, arruolarsi e giurare fedeltà al dittatore nazista. Anche sua moglie si accorge che il marito ha ragione, e decide di appoggiarlo, nonostante le conseguenze, nonostante lo sprezzo degli abitanti del villaggio, lui è coerente con la sua scelta. Morirà sul patibolo, ma diventerà beato grazie a Papa Bene