Passa ai contenuti principali

Onegin

Eugenio Onegin, è un ricco rampollo russo, di lui è innamorata Tatiana, semplice e bruttina ragazza dal cuore d'oro, l'amore non è corrisposto fino a quando passati gli anni lui si accorge di amarla e desiderarla, e fa di tutto per conquistarla...ma forse le cose ormai sono cambiate...

Un film che per me è stata una sorpresa, ho letto parecchie recensioni a riguardo che davano giudizi al quanto positivi, eppure durante la visione mi sono resa conto di quanta emozione e pathos c'è nella storia.
Il film è diretto da Martha Fiennes, sorella di Ralph, che ha fortemente voluto portare sullo schermo il romanzo in versi di Aleksandr Puškin.
E' una storia d'amore e di rimpianti, la cui origine letteraria lascia presupporre i rischi che ogni adattamento non originale trasformato in film abbia, il che non avendo letto il romanzo, evito di annotare giudizi inopportuni, dedicandomi al film.
E' un film complesso, dove si narra la storia di un amore non corrisposto, la drammaticità della storia, accuratamente descritta da Martha Fiennes, lascia presagire una storia differente dalle classiche storie d'amore, voi direte ma allora si tratta di amour fou? No, L'amour fou è un altra cosa, si tratta di un uomo che ha l'amore davanti e non ha il coraggio di afferrarlo e viverlo, in poche parole un emerito imbecille, scusando il termine, Tatiana interpretata da una bravissima Liv Tyler, che per l'occasione ha svilito la sua avvenenza per interpretarla, è il personaggio che sa cosa prova, e non ha paura dei propri sentimenti, anche se deve fare i conti con la realtà dei fatti.
Onegin, è una rilettura dell'incapacità di avere il coraggio e amare una persona, facendo in modo che quella stessa persona debba fare scelte differenti da quelle che si è prefissate e non trovare la felicità, ma accontentarsi di quello che la vita ci propone, ma questa non è vita, ed è proprio la stupidità di Eugene Onegin, che non accorgendosi dell'amore vero, - forse per incapacità di provare gli stessi sentimenti o per mancanza di coraggio - vivrà nel rimpianto di non averlo preso in tempo, un vecchio proverbio dice carpe diem, cogli l'attimo, e lui l'attimo se lo è lasciato sfuggire.
Un film sorprendente e pieno di sorprese, consigliatissimo.
DA NON PERDERE


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.