Passa ai contenuti principali

Onegin

Eugenio Onegin, è un ricco rampollo russo, di lui è innamorata Tatiana, semplice e bruttina ragazza dal cuore d'oro, l'amore non è corrisposto fino a quando passati gli anni lui si accorge di amarla e desiderarla, e fa di tutto per conquistarla...ma forse le cose ormai sono cambiate...

Un film che per me è stata una sorpresa, ho letto parecchie recensioni a riguardo che davano giudizi al quanto positivi, eppure durante la visione mi sono resa conto di quanta emozione e pathos c'è nella storia.
Il film è diretto da Martha Fiennes, sorella di Ralph, che ha fortemente voluto portare sullo schermo il romanzo in versi di Aleksandr Puškin.
E' una storia d'amore e di rimpianti, la cui origine letteraria lascia presupporre i rischi che ogni adattamento non originale trasformato in film abbia, il che non avendo letto il romanzo, evito di annotare giudizi inopportuni, dedicandomi al film.
E' un film complesso, dove si narra la storia di un amore non corrisposto, la drammaticità della storia, accuratamente descritta da Martha Fiennes, lascia presagire una storia differente dalle classiche storie d'amore, voi direte ma allora si tratta di amour fou? No, L'amour fou è un altra cosa, si tratta di un uomo che ha l'amore davanti e non ha il coraggio di afferrarlo e viverlo, in poche parole un emerito imbecille, scusando il termine, Tatiana interpretata da una bravissima Liv Tyler, che per l'occasione ha svilito la sua avvenenza per interpretarla, è il personaggio che sa cosa prova, e non ha paura dei propri sentimenti, anche se deve fare i conti con la realtà dei fatti.
Onegin, è una rilettura dell'incapacità di avere il coraggio e amare una persona, facendo in modo che quella stessa persona debba fare scelte differenti da quelle che si è prefissate e non trovare la felicità, ma accontentarsi di quello che la vita ci propone, ma questa non è vita, ed è proprio la stupidità di Eugene Onegin, che non accorgendosi dell'amore vero, - forse per incapacità di provare gli stessi sentimenti o per mancanza di coraggio - vivrà nel rimpianto di non averlo preso in tempo, un vecchio proverbio dice carpe diem, cogli l'attimo, e lui l'attimo se lo è lasciato sfuggire.
Un film sorprendente e pieno di sorprese, consigliatissimo.
DA NON PERDERE


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.