Passa ai contenuti principali

I Vitelloni

Questa è una commedia sulla vita vera, ma soprattutto su un gruppo di amici che non ha voglia di crescere e prendersi le responsabilità che la vita ti chiede.
Sono convinti, chi più e chi meno che bisogna prenderla in modo gagliardo, cercando i presupposti per poter avere tutto quello che si vuole anche facendo piccoli imbrogli, ma se lo fai la vita poi chiede le conseguenze, come succede a Fausto, che messo incinta una ragazza, cerca di svignarsela, ma appane il padre lo sa si prende le sue responsabilità sposando la ragazza.
All'inizio gli amici lo prendono un po' in giro, ma il giorno delle nozze saranno tutti presenti.
E arrivano i primi doveri e le prime responsabilità, e trova lavoro presso un negozio, ma ben presto lo perderà, perchè dimostra tutta la sua immaturità cercando un avventura dietro l'altra, senza mettere la testa a posto, arriva pure il licenziamento...e saranno guai.
Alberto invece perde il suo tempo a giocare al biliardo, e chiede alla sorella - che è l'unica che lavora in casa - soldi, per poter giocare ancora, quando la sorella si accorge che ha speso i soldi nel gioco, lui dice alla madre che sta con un uomo sposato.
Il film è una allegoria di un gruppo di amici che stanno attaccati alla spenzieratezza, ma nella vita bisogna pur mettere radici e la testa a posto, per mandare avanti una famiglia con responsabilità, in poche parole bisogna crescere, e i nostri protagonisti dovranno farlo, e provare che quando si diventa grandi e ci sono responsabilità, bisogna capire che non si può restare fanciulli per sempre.
Un film sull'amicizia virile, e sulla fanciullezza che se ne va via...io lo definirei un film sulla sindrome di Peter Pan, che bisogna saper lasciare l'isola che non c'è per vivere.
Federico Fellini è al suo meglio, e tratteggia il ritratto di una gioventù in bilico con la spensieratezza della giovinezza e le responsabilità della famiglia, il lavoro e via dicendo, con una sincerità assoluta evitando banalità e stupidaggini, alla fine tutti quanti si ritrovano cresciuti e in un certo senso disillusi, perchè la vita ti chiede il suo conto e tu devi pagare, bisogna capire che c'è un tempo per tutto, e che lo stesso tempo non dura tutta la vita.
Sono i cambiamenti che Fellini descrive in maniera schietta e pungente, sottolineando una certa satira sull'italiano medio, cialtrone, fanfarone e sempre in cerca di divertimenti, i protagonisti che ci presenta sono spacconi, dentro sono dei ragazzini, ma che capiranno che bisogna crescere e mettere la testa a posto per poter andare avanti nella vita.
Il film ha un grandissimo cast di attori, da Franco Interlenghi, ad Alberto Sordi, che regala una interpretazione intensa e toccante.
CAPOLAVORO.





Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.