Passa ai contenuti principali

Piccole Bugie tra amici

E siamo giunti a recensire uno dei film usciti l'anno scorso che vagamente ricorda Il Grande Freddo di Lawrence Kasdan, interpretato da Jean Dujardin, François Cluzet e Marion Cotillard.
La trama racconta di un gruppo di amici, che per un contrattempo rischiano di non passare le vacanze estive insieme, uno di loro infatti ha un incidente, ma piano piano si riprende e il gruppo passa le vacanze dove le passano ogni anno da Max, il più ricco del gruppo, e anche un po' pedante.
Durante le vacanze escono fuori le frustazioni e le insicurezze accumulate durante tutta la vita, rendendo la vacanza un susseguirsi di problemi, e di equivoci che faranno venire alla luce piccole bugie che gli amici si sono detti durante tutto l'arco della vita.
Il film è un susseguirsi di scene esilaranti e originali, manca però qualcosa che renderebbe il film un grande film, ma forse è più un pregio che un difetto; ciò nonostante è capace di parlare senza falsi pudori di amicizia, di piccoli e grandi difetti presenti in tutti gli esseri umani, e di quel grande filo conduttore che ci lega tutti che è l'amicizia, che cancella piccoli e grandi incomprensioni che vengono a galle.
Il film è divertente e spigliato, e ha una freschezza che non cade mai nel banale, d'altronde bisogna accettare gli altri purchè questi altri ti accettano come amico, è forse questa la chiava per far nascere un amicizia?
Per il film si, anche se avvolte bisogna strillare, urlare, le cose che ci danno fastidio.
Ma d'altronde è la vita stessa che è così, non bisogna tenersi tutto dentro, ma bisogna anche moderare i toni...comunque sia alla fine, se l'amicizia è vera, nulla è perduto.
In sintesi è questa la tematica del film, che vede un gruppo di attori ben diretti con un film sincero, che parla in modo nudo e crudo dell'amicizia, senza correre il rischio di risultare antipatico, a differenza dell'opera di Kasdan, e questo è uno dei pregi del film, non c'è l'effetto nostalgia, si ride, si piange, ci si arrabbia, perchè anche l'amicizia è una forma d'amore, e bisogna custodirlo e farlo crescere, nonostante tutto.
APPETITOSO.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.