sabato 25 maggio 2013

Womb

Lo dico subito: E' un film particolare.
Si perchè è un opera che può piacere, come anche non piacere, perchè lo scorrere lento del film riduce e avvolte appesantisce la pazienza di uno spettatore.
Ma se siete abituati a opere più narrative che d'impatto, magari potrete anche rifletterci sopra e apprezzarlo maggiormente.
Il succo del film sta nel fatto di non accettare la morte di una persona amata talmente tanto, da addirittura clonarla e farla nascere di nuovo. Ma il clone non sarà mai l'originale.
Rebecca - interpretata da una Eva Green che è in un ruolo più adulto e complesso - si innamora di Tommy sin da quando era una bambina, ma le coincidenze della vita li separano, per poi farli reincontrare una volta cresciuti, si mettono insieme fino all'incidente di lui in cui perde la vita...e rebecca prende la decisione di usare i geni di Tommy per farlo rinascere, ma questa volta è suo figlio, non l'uomo che ha amato...e le cose si complicano una volta che il ragazzo è cresciuto, si innamora di un altra ragazza...ma quando la verità verrà a galla cosa succederà?
Come ho detto prima è un film particolare, innanzitutto devo dire che mi ha colpito molto, soprattutto per i temi trattati, per l'incapacità di accettare la morte, per restare legati sempre alle persone che più abbiamo amato e non volere accettare di lasciarle andare via.
La cosa che colpisce maggiormente è l'incapacità di Rebecca di voltare pagina e ricominciare daccapo, e così resta legata al ricordo dell'uomo che ha amato, senza vivere, e scoprire l'amore attraverso un altro uomo.
Il film sembra noioso, la prima parte è più coinvolgente e toccante, mentre nella seconda parte sembra piombare in una situazione di stallo, ma è solo apparenza, perchè il regista sceglie di narrare gli eventi, perchè deve fare entrare lo spettatore dentro casa loro, come fosse una persona che si avvicina e comprende le loro ragioni, noi dobbiamo capire che il peso della scelta di Rebecca si ripercuote nelle persone che ha accanto, soprattutto suo figlio, dire che è palloso è un po' superficiale, io l'ho apprezzato soprattutto perchè non è il classico film in cui tu devi stare a guardarlo per passare tempo davanti a un pacchetto di popcorn, no, è il film che deve esplorare interiormente i personaggi e raccontare i loro sentimenti allo spettatore.
In conclusione, questo film o lo si ama, o lo si odia, non ci sono vie di mezzo. Punto.
DA NON PERDERE.



6 commenti:

  1. non è che il film sembra noioso, il film è noioso ahaha :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh, de gustibus, a me non è sembrato noioso, credo sia un film particolare, ma ovviamente davanti a un opera cinematografica non tutti hanno le stesse reazioni :)

      Elimina
  2. Da come lo descrivi potrebbe piacermi...ci farò sicuramente un pensierino! E poi adoro Eva Green!

    RispondiElimina
  3. Guarda caso ho appena scritto un post su Milky Way (Tejut), il film di Fliegauf antecedente a questo. Womb è il suo lavoro più facile e realizzato con l'intento di accontentare un pubblico più vasto. Devo dirti che non è dispiaciuto, anche se preferisco i suoi film precedenti, più nelle mie corde. Mi fa comunque piacere che tu l'abbia apprezzato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è particolare, più psicologico, per apprezzarlo devi calarti nel punto di vista della protagonista, il che non è facile ^_^

      Elimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...