Passa ai contenuti principali

Il grande e potente Oz

E anche oggi c'è un film di Sam Raimi che viene recensito...no no no non è una rassegna, si da il caso che ho voluto recensire un film al cinema in questo periodo e nella lista toccava a lui.
Non è come pensate voi il remake de Il mago di Oz, no, casomai è il prequel, ovvero come tutto ebbe inizio, in una terra fantastica, c'è una strega buona in pericolo e una strega malvagia che vuole prendere i suoi poteri per governare il mondo incantato.
Questa è la storia di Oscar Diz, un mago di paese, un illusionista, un imbroglione, che diventa protagonista dell'avventura più straordinaria di un essere umano.
Grazie a un incidente capitato con un rivale che lo voleva picchiare, vola con la sua mongolfiera che non è capace di riportarlo giù e arriva in un luogo dove due streghe si contendono il dominio: la strega buona, vuole vivere in armonia, mentre la strega cattiva vuole comandare con tirannia.
C'è anche una profezia su un uomo sceso dal cielo che ristabilirà gli equilibri...riuscirà a scmascherare la strega cattiva e salvare quella buona per regnare con pace e prosperità?
Per saperlo dovete guardare il film.
Sam Raimi riprende una fiaba e non fa un remake, come molti sospetterebbero, ma ricostruisce il tutto come è iniziato.
Protagonista è James Franco, vero e proprio attore feticcio di Sam Raimi, già ai tempi della trilogia di Spiderman, che recita al fianco di Michelle Williams e Rachel Weisz; Mila Kunis è invece la sorella di una delle streghe, all'inizio si fa prendere dal premio materiale, ma dovrà percorrere una strada personale per scoprire la verità dei fatti e cambiare così sia il suo destino, che il piccolo mondo incantato diventandone un re giusto amorevole e sconfiggendo la strega cattiva.
Una fiaba, senza se e senza ma, che bisogna prenderla per quello che è, ma devo dire che Sam Raimi, nel genere favolistico non si trova molto bene, il film non è male, ma sarebbe stato grande con qualche accorgimento in più.
Oddio, scrivere il prequel del mago di Oz è un idea originale non c'è dubbio, ma scenografie, effetti speciali e il tanto conclamato 3D lo rendono un po' pomposo, quando potrebbe essere molto di più, e conoscendo il suo autore che può fare questo e altro si rimane in parte delusi.
A salvare il film è la storia, e soprattutto la regia curata e ricercatissima, ma questo è molto poco, conoscendo Raimi che in passato ha diretto film diversissimi pur non abbandonando mai se stesso e il suo stile...comunque sia il film è un discreto prodotto di intrattenimento adatto a tutti, soprattutto a chi non ha mai smesso di credere nelle fiabe.
NON MALE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.