Passa ai contenuti principali

Il Petroliere

Per ogni regista cinematografico c'è sempre il titolo della maturazione, quello che ti impone all'attenzione mediatica a livello mondiale.
Dirigendo Il Petroliere, tratto da un romanzo di Upton Sinclair, mostra il suo lato di ispirazione più classico, infatti il film sembra ispirato dal cinema di John Huston, allontanandosi dalle opere corali che lo hanno rivelato all'attenzione del grande pubblico.
Il protagonista è un grandissimo Daniel Day Lewis, che con questo ruolo vince il suo secondo oscar, il  suo ruolo è quello di Daniel Planview, un avido e spregiudicato petroliere, che per ingraziarsi le simpatie della gente e guadagnare più denaro, prende in adozione un bambino il cui padre è morto in uno dei posti dove si trivella il petrolio.
In breve tempo diventa un uomo molto ricco ma c'è qualcuno con cui deve scontrarsi, un giovane uomo di chiesa al quale con un pretesto gli frega un terreno e lo paga a metà prezzo mentendo sulla presenza di petrolio.
Lo scontro tra i due sarà durissimo, tra Daniel, in cui non crede in Dio, al giovane Eli, che difende il suo credo in nome del dio denaro.
Intanto nella vita di Planiew, HW il figlio adottato durante un incidente perde l'udito, e il padre lo abbandona per ripigliarselo, soprattutto quando la gente lo rimprovera e così, per evitare di non fare affari lo riprende con se, fino a quando il giovane non vuole camminare con le sue gambe, e allora Daniel gli dice la verità sulle sue origini.
Film monumentale, che dimostra come Paul Thomas Anderson, sa destreggiarsi bene anche con una storia dall'impatto stilistico classico, senza eccedere in manierismi e sentimentalismi inutili, e lo fa partendo dal presupposto in cui l'avidità umana rappresentata da Daniel Day Lewis, con il suo Daniel Planview, sia schietta, sincera e per nulla soporifera.
E' semplicistico etichettare come cattivo Daniel, perchè è un personaggio che sottolinea l'incapacità di essere se stessi, lui vive soltanto per la sua compagnia petrolifera, e fa di tutto per la sua immagine di perfetto uomo di famiglia, salvo poi mandare tutto a puttane, svelando realmente quello che è, soltanto un viscido uomo il cui unico credo è il denaro, sfruttando tutto e tutti pur di diventare qualcuno.
HW se ne accorge, soprattutto quando decide di camminare con le sue gambe, e se ne accorge anche Eli, il cui rappresenta l'altra faccia della medaglia.
I suoi propositi non sono per il credo religioso, lui come Daniel vive per la sua chiesa, e ha nel denaro il suo credo principale, anche se ha ragione nel dire che gli affari si ripagano e gli accordi si rispettano con onestà, ma sappiamo tutti che per il dio denaro si fa questo e altro.
Film dedicato alla memoria di Robert Altman, da sempre principale fonte di ispirazione di Paul Thomas Anderson.
CAPOLAVORO



Commenti

  1. eh si! fai bene a definirlo capolavoro! uno dei migliori film di questi ultimi anni!

    RispondiElimina
  2. film notevolissimo.
    però non è tra quelli del grande paul thomas anderson che amo di più. magnolia è inarrivabile, e preferisco pure ubriaco d'amore, boogie nights e the master

    RispondiElimina
    Risposte
    1. li preferisco anche io, ma Daniel Day Lewis spacca di brutto!!!

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.