Passa ai contenuti principali

Darkman

Eh lo devo dire, Sam Raimi mi piace assai come regista, non tanto perchè pretende di essere un genio, ma perchè è capace di fare sia cinema di intrattenimento per divertire, sia piccoli oggettini di culto; più precisamente è un artigiano della settima arte.
Nel 1990 dirige questo cinefumetto, in tempi ancora in cui non era di moda, ma non è un fumetto tratto da famose riviste, no è un personaggio creato da Sam Raimi stesso, che reinventa un eroe e lo traduce per lo schermo cinematografico.
Co-protagonista anche un attrice che mi piace molto Francis McDormand, che affianca Liam Neeson nel ruolo della fidanzata dello scienziato che si trasformerà in Darkman.
Contrariamente a quello che si può presupporre, ci troviamo davanti a un film fatto abbastanza bene, c'è tensione, azione, panico e tanto altro ancora che rendono la storia sorprendente e intricante.
Potete magari etichettarlo come il classico film di intrattenimento, e in parte è vero, però ciò che più entusiasma lo spettatore è la storia che non solo è curata, ma anche non perde mai di vista le ragioni che spingono i protagonisti nei loro intenti, positivi o negativi che siano; evitando superficiali banalità.
Nonostante sia un film a grossi budget, possiamo tranquillamente dire di avere un ottimo prodotto di intrattenimento capace di tenerti incollato alla poltrona dall'inizio  alla fine, e vi sembra poco? Si e anche no.
Primo perchè questo film non pretende di essere un capolavoro o un film che andrà negli annali della storia del cinema, semplicemente perchè è stato fatto per il pubblico, grande, piccolo, che sia, per questo va preso per quello che è, eppure ha quel certo non so che che gli da un aria speciale da piccolo cult movie che magari sarà riscoperto negli anni.
Secondo la scelta degli attori, innanzitutto ci troviamo in un film che non richiede grandi nomi, alcuni sono famosi anche oggi, altri chissà, ma questo è di poca importanza, perchè è la sostanza che da qualità al film e non il contrario.
Terzo l'azione, la suspance, il divertimento non mancano, si può dire che siamo davanti a un film che sa come colpire a fondo, quindi perchè non guardarlo?
La trama racconta di uno scenziato, che sviluppa una scoperta della pelle sintetica che si modella a partire dalla fotografia, ma accade un incidente in cui è coinvolto il capo della sua fidanzata. A causa di ciò rimane sfigurato e la ragazza lo crede morto, ma grazie alla sua scoperta, lo scienziato si trasforma in Darkman, e scoprirà chi è il responsabile e di certo non la farà franca anche grazie all'aiuto della sua fidanzata che nel frattempo è tornata con lui.
Ragazzi da vedere e soprattutto da collezionare.
Buona visione.
APPETITOSISSIMO


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.