Passa ai contenuti principali

Vanity Fair - La fiera delle vanità

Mira Nair è da sempre una regista particolare, i suoi film sono intrisi di una delicatezza che non intacca il racconto, adesso sbarcando in Usa dirige un film tratto dal romanzo di William Mackepiece Tackeray ambientato nella londra dell'ottocento.
Le protagoniste sono due amiche, la prima Becky (Reese Whiterspoon) di umili origini sposa un giovane che sta ereditando  un ricco patrimonio, ma ben presto le cose si fanno difficili perchè la zia lo ha cancellato dal testamento appena saputo che l'ha sposata; la seconda Amelia (Romola Garai) è figlia di una famiglia aristocratica.
I loro destini si incrociano e si allontanano, non prima che Becky ha patito le sofferenze della povertà che la costringono a stare con un marchese che l'ammira apertamente, e lì comincia a diventare la regina dei salotti che contano, ma il passato e soprattutto le amicizie tornano sempre e le cose si capovolgono.
Mentre Becky viene introdotta nell'alta società dal marchese, Amelia cade in disgrazia dopo la morte del marito, e così viene allontanata dalla famiglia di lui,  e la ragazza affida il figlio ai nonni visto che non lo può mantenere ma forse un giovane medico le può far tornare il sorriso e la speranza nell'amore.

Un film tradizionale, e per la Nair è più una critica che un complimento. Avendo a disposizione un budget più consistente, dirige un film occidentale, cercando un suo preciso sguardo autoriale.
Dovrebbe essere una acuta critica all'inghilterra e al mondo snob di quell'epoca, come sicuramente Tackeray descrive nel suo romanzo, invece questa volta la Nair, è indecisa su che direzione andare.
Stilisticamente impeccabile, manca di pathos nella descrizione dei personaggi, belle interpretazioni della Whiterspoon e della Garai, ma che non fanno centro, forse troppo prese dalla sontuosità del racconto.
Questo è un film Bigger than life, ma a cui manca qualcosa per renderlo davvero acuto, forse questa volta Mira Nair ha peccato di presunzione, eppure proprio lei che è capace di emozionare anche con un semplice fotomontaggio, questa volta si trova in mezzo a due strade e non sa quale percorrere per prima forse per paura di non deludere le aspettative del suo pubblico.
Apparte questo rimane un film che non aggiunge molto alla filmografia di Mira Nair ma che aveva enormi potenzialità di essere un capolavoro.
Conoscendo questa autrice straordinaria mi aspettavo un film ricco di emozioni, come è successo quando ho visto il suo Kamasutra, che reputo uno dei più belli che ha girato, in conclusione resta un buon prodotto di intrattenimento che poteva dare di più se la sua autrice avesse optato di usare il coraggio invece che gettare la pietra e poi non andare fino in fondo.
NON MALE MA SI POTEVA FARE DI PIU'



Commenti

  1. Ne abbiamo avute diverse versioni o sbaglio cara Arwen ....
    Non mi sembri molto entusiasta del risultato odierno...
    Vedremo un po' il da farsi, per ora soprassediamo...
    Un grande bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? Sai che non lo sapevo, devo fare una ricerchina mi sa...^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.