Passa ai contenuti principali

Il matrimonio che vorrei

A me questo film è piaciuto.
Si mi è piaciuto e sapete perchè? Perchè nonostante il ritmo sia lento, parla in maniera sincera di un argomento tabù della coppia...la mancata comunicazione quando si arriva a una certa età.
Si si lo so quello che dite, che è banale, che è superficiale etc etc etc...se avete un po' di pazienza vi spiego il mio parere, quindi mettetevi comodi comodi davanti al vostro pc.
Allora, innanzitutto abbiamo due attori straordinari che sono Meryl Streep e Tommy Lee Jones che recitano per la prima volta insieme, e già di per sè dovrebbe essere garanzia se non di successo magari di appetibilità.
Il film diretto da David Frankel, già regista de Il diavolo veste prada, è una sincera riflessione su come arrivati alla terza età, tra marito e moglie si danno le cose per scontate, vivendo una routine, che mano a mano cancella ogni emozione e ogni impulso sessuale, cosa fa allora allora Kay? Prende in mano la situazione, perchè si sente molto sola ora che i figli si sono fatti una loro vita, per Arnold potrebbe andare avanti così, ma lei  non ci sta, così decide di punto in bianco di andare a fare analisi da un medico.
Non sarà molto facile perchè all'inizio Arnold non partecipa alle richieste di Kay, ma forse piano piano e con la giusta atmosfera la scintilla può scoccare di nuovo...e forse c'è il modo di poter parlare di nuovo e dialogare invece che rinchiudersi a dormire ognuno per conto proprio.
Ebbene si, i motivi per cui mi è piaciuto questo film sono molteplici, primo fra tutti la riscoperta dei sentimenti, e della forza dell'attrazione, lasciarsi andare all'amore anche se si ha una certa età, con il/la rispettivo/a compagno o compagna, è qualcosa che se non è descritto nella maniera intelligente può diventare un polpettone insopportabile.
David Frankel invece riesce nella impossibile impresa di saper parlare di cose che forse sembrano banali o ridicole e filmarle sullo schermo.
Ok mi direte, ma arrivati a una certa età il marito che bacia appassionatamente la moglie sembra ridicolo, e allora? Cosa c'è di male in questo?
Avvolte per riuscire a comunicare basta esplorarsi e guardare in faccia la persona che hai sposato e riscoprire tante cose che credevi perdute...
In conclusione un bel film che parla in maniera spiccia e semplice di cose che la maggioranza della gente si vergognerebbe a fare anche a una certa età.
APPETITOSO



Commenti

  1. Anche a me è piaciuto. Secondo me molte persone dovrebbero vederlo, insegna che parlare è sempre la cosa migliore e che se mettiamo dialogo e intelligenza alla base dei rapporti, possiamo solo trarne benefici!
    E poi.. Meryl è la solita FORZA DELLA NATURA!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.