Passa ai contenuti principali

Una poltrona per due

E' uno dei film cult degli anni ottanta, in particolare dei primi anni ottanta.
Protagonisti sono Dan Aykroyd e Eddy Murphy in questa commedia dove due arzilli vecchietti fanno una scommessa per guadagnare soldi, e mettono il secondo poveraccio che chiede l'elemosina per la strada  al posto del primo, un rampante broker di Wall street. I due proprietari di una azienda scommettono su come una persona può essere spinta alla criminalità, Randolf e Mortimer Duke hanno opinioni diverse a riguardo, e così spingono il loro pupillo Louis Winthorpe III (Aykroyd) a prendere il posto di Billy Ray Valentine (Eddie Murphy) e viceversa, il primo è disperato, si ritrova di punto in bianco dalle stelle alle stalle, la fidanzata lo lascia, viene arrestato per droga e si trova di punto in bianco a mendicare per strada, a differenza  Billy Ray è servito e riverito e in ben poco tempo dimostra di saper maneggiare il denaro.
Quello che non sanno è che la scommessa dei due vegliardi è di un dollaro, che vince Randolph, ma ben presto le cose si capovolgeranno: Louis troverà una prostituta inizialmente usata per incasinarlo che piano piano conquisterà il suo cuore anche se cercherà di suicidarsi e sarà proprio Billy Ray, che ha visto il risultato della scommessa a salvargli la vita.
E i vecchietti vegliardi cosa faranno quando si troveranno faccia a faccia con le loro vittime?
E' un film assolutamente da non perdere, qui da noi lo fanno sempre a natale e io l'ho visto proprio nel periodo natalizio, fattostà che non ha perso smalto dalla sua uscita.
Sia la recitazione, che la storia e la regia sono originali e intelligenti, nulla è lasciato al caso, e come in tutte le storie di chi vuole fregare ma viene sempre fregato, i nostri eroi capiranno che dovranno unire le forze per farla pagare a chi ha scherzato con la loro vita.
La cosa divertente è che John Landis, fresco dal successo di tanti film da lui diretti, non punta su un plot banale, ma su una storia  che scaglia la superficie del capitalismo, infatti è una feroce satira sul capitalismo, immaginate un riccone che si trova improvvisamente col culo per terra (io immagino una persona e voi avete sicuramente capito di chi parlo hehehe) e si trova arrestato con addosso della droga, e nessuno che lo aiuti, e tutti gli voltano le spalle, poi improvvisamente ecco un barbone, che chiede l'elemosina per strada prendere il posto suo, ora immaginate due arzilli e sfrontati vecchietti che credono di divertirsi, e ora immaginateli col culo a terra, e avrete il risultato.
Perchè Una poltrona per due è un cult?
Perchè nonostate tutto ha saputo essere un classico senza pretendere di esserlo, grazie a una regia satirica ma acuta e intelligente e un plot semplice e brillante e due protagonisti che da soli valgono la visione del  film, se questo è poco....
CULTISSIMO


Commenti

  1. Classicissimo che a casa nostra, per le feste, non manca mai.

    RispondiElimina
  2. Non mi dite che tra poco torna il Natale? ahahha (: Davvero un cult che rimarrà per decenni...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.