Passa ai contenuti principali

Elizabethtown

Cameron Crowe negli anni passati ha diretto dei bei film, alcuni sono diventati dei cult movie, altri ancora sono riusciti a colpire il pubblico con la loro semplicità, come questo Elizabethtown.
E' un film particolare, non per tutti i gusti, avvolte può sembrare un po' complesso ma mai banale, a differenza di altre pellicole più solari, questo film vuole essere intimista senza dimenticare l'alone di spensieratezza che esiste nei personaggi.
Fondamentalmente è una storia d'amore di due ragazzi che si scoprono, Drew è appena stato licenziato dalla azienda in cui lavorava, per il fiasco delle scarpe di sua invenzione e deve tornare a casa per recuperare la salma del padre e partecipare al suo funerale, ma ha propositi suicidi, perchè abituato ad avere successo non riesce a mandare giù questo fallimento.
Lei Claire invece è una bizzarra assistente di volo che cercherà in tutti i modi di allontanarlo dai suoi propositi regalando alla sua vita la solarità di un rapporto che piano piano i due scopriranno e che cambierà a entrambi la vita.
Un film delizioso, semplice moderato, qui Cameron Crowe evita forse consapevolmente alcuni espedienti eccessivi, perchè la storia non li richiede e ovviamente si adegua al copione e non è del tutto sbagliato farlo, perchè non tutti i film sono uguali; questa sua opera prima è un film sui cambiamenti che si presentano nella vita, e sulla capacità di ognuno di viverli e assecondare le strade che si aprono nella vita, che sono molteplici.
Con Elizabethtown, troviamo un Cameron Crowe che vuole maturare, e parla d'amore in maniera realistica e non edulcorata come tante commediole melense che escono nei cinema.
Eliminando l'espediente della commedia romantica fa un opera intimista che riesce a centrare il bersaglio la dove tanti film ormai non fanno più. E' un operazione un po' rischiosa, perchè è facile cadere in manierismi e banalità, invece Crowe, sa gestire bene il cast di attori e la storia, creando un tuttuno che colpisce per la sua particolare schiettezza.
E' un film maturo che è capace di parlare anche con semplici inquadrature, un operazione notevole che seppur con qualche impercettibile difetto avrebbe giovato di più se Crowe si fosse lasciato andare un pizzichino, sarebbe stato un piccolo capolavoro;  ma va bene così infondo è un ottimo film che si beve su un bicchiere d'acqua fresca, leggero e realistico.
APPETITOSO


Commenti

  1. Che bel film, mi mette sempre molta allegria quando lo passano in TV :)

    RispondiElimina
  2. anche a me era piaciuto parecchio.
    spero che cameron crowe dopo il poco eccezionale la mia vita è uno zoo torni su alti livelli, visto che è un grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido ^_^ io spero che faccia un altro film come Almost Famous, che mi era piaciuto parecchio

      Elimina
  3. Non ci crederai, ma lo devo vedere! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora vedilo sono sicura che ti piacerà ;)

      Elimina
  4. non è la solita stupida commedia sentimentale americana,è qualcosa di molto meglio ed è per questo che negli USA è stato un clamoroso flop al botteghino...valli a capire 'sti americani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh si, ma secondo me sono questi i film che con il tempo acquisteranno valore ^_^

      Elimina
  5. Commedia forse un po' patinata ma molto, molto, molto carina :) per certi aspetti assomiglia a 'Il lato positivo'. Garbata, coinvolgente e nient'affatto banale: Crowe al suo meglio. Grazie per avermela fatta tornare a mente!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.