Passa ai contenuti principali

Jessabelle

Rieccocci alla recensione cinematografica di oggi, la prima, ce ne sarà un altra a breve...
Abbiamo un horror, fatto piuttosto bene e che riesce a sorprendere, pur non toccando i vertici del capolavoro ma poco importa: il suo lavoro riesce a farlo particolarmente bene ed è questo ciò che conta.



Nonostante tutto riesce a sorprendere e non poco, perchè abbiamo una trama che non lascia trasparire tutto, e tiene incollato letteralmente lo spettatore alla sedia, il che non è poi cosa da poco; poi c'è il fattore sorpresa che è quello che riesce a sorprendere maggiormente.
Mi è piaciuto, primo perchè la protagonista cerca di ricostruire un passato oscuro legato a sua madre, ma poi si scopre che c'è una verità celata all'interno della casa che la ospita, e che non tutto ciò che appare sia vero.
La verità è sconvolgente, resa ancora più terribile dal fatto che Jessie trova delle strane videocassette con una ragazza bionda che fa le carte e credendo fosse sua madre la vede lasciarle un messaggio, che la sua vita sarà breve e non lascerà mai il suo paese.
La cosa strana è che Jessie ha lasciato il suo paese d'origine per stare con il fidanzato morto.
Ma presto scoprirà che ci sono oscure presenze in casa, Jessie stessa ha degli incubi la notte, che non la lasciano dormire.
C'è qualcosa che è nascosto e che brama ad uscire, una verità bruciante, che striscia rivelando una realtà diversa dal solito.
Ci vorrà la presenza di un vecchio amico di infanzia di Jessie, che farà in modo di ricercare approfonditamente per scoprire la verità celata dalle videocassette, e la trovano.
C'è una piccola tomba con un nome Jessabelle, ma quando la tomba si apre si scopre che ci sono le ossa di una bambina...morta in fasce.
Jessie si rende conto che non può essere la figlia di colei  che crede essere sua madre, lei e il suo amico che pur essendo sposato dimostra di essere ancora innamorato di lei, scoprono che la madre è stata uccisa perchè colui che crede suo padre, ha commesso un terribile delitto impunito, questo spiega le presenze oscure che si celano in casa, poi accade un incidente, nel fienile il padre muore in un incendio e lui non riesce a salvarsi nonostante tenti in tutti i modi di aprire la porta.
Il regista è capace di tenere alta la tensione per tutta la durata del film, e riesce nell'intento di creare una speciale empatia con lo spettatore, in cui riesce a catalizzare l'attenzione senza sbafature e facili giochi di carte, no, il gioco è difficile, e ce lo fa capire, cioè, non intende prenderci in giro, ma anzi, vuole stupire pur restando nei canoni dell'horror psicologico il che non è poco.
Un buon horror, nonostante tutto.
Voto: 7





Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.