Passa ai contenuti principali

Sopravvissuto - The Martian

Aaaah Ridley Scott ritorna al genere in cui ha dimostrato molte volte di saperci fare: la fantascienza.
Conosciamo la sua carriera soprattutto da quel capolavoro che risponde al nome di Blade Runner, che chi fosse vissuto negli eightees, o fosse adolescente ricorda molto bene; quel film è un cult, c'è poco da fare.
Ma andiamo a noi.



Con The Martian abbiamo una storia completamente differente rispetto agli altri film che ha diretto dello stesso genere, più centrata sulla salvezza e la speranza rispetto a Blade Runner e soprattutto ad Alien, dove ogni forma di positività è negata, inesistente si può dire.
In questo film invece Ridley Scott si concentra di più su ciò che più conta davvero nella vita.
Il protagonista è stato dimenticato su Marte, e gli astronauti sono chiamati a riportarlo a casa: ma ci sono parecchi problemi a riguardo.
Primo fra tutti i fattori economici e di immagine della nasa, poi ovviamente saranno coloro che si accorgono di ciò che è successo ad insistere per riportare a casa colui che hanno dimenticato: ce la faranno?
Ho visto questo film con una precisa idea nella testa: e forse nonostante questa idea che ora vi spiegherò, le mie aspettative sono state ampiamente superate.
Avevo paura che fosse la solita americanata proposta ultimamente da Scott, e invece mi sono dovuta ricredere.
Capisco perfettamente che non tutti hanno il mio punto di vista, e che un film ha diverse reazioni in base al pubblico che si ritrova di fronte.
Ridley Scott è riuscito a fare un film forse all'altezza dei sopracitati capolavori, non so sinceramente se aggiunge qualcosa ma ci siamo vicini: innanzitutto una cura particolare sia alla regia che alla recitazione, poi la bellissima fotografia ne accentua l'intensità del messaggio che si vuole propinare allo spettatore.
Non ci sono eccessi, e questo fa si che l'opera sia meno pomposa rispetto ad altri film da lui diretti, ma più incisiva, più diretta e questo è più un pregio che un difetto.
Il film è ottimo, non so sinceramente se è un capolavoro ma è stato un piacere guardarlo perchè oltre ad essermi piaciuto mi ha sorpresa...e sapete che non sono tutti i film capaci di fare tanto.
Cos'altro dire se non augurarvi buona visione?
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.