Passa ai contenuti principali

Sopravvissuto - The Martian

Aaaah Ridley Scott ritorna al genere in cui ha dimostrato molte volte di saperci fare: la fantascienza.
Conosciamo la sua carriera soprattutto da quel capolavoro che risponde al nome di Blade Runner, che chi fosse vissuto negli eightees, o fosse adolescente ricorda molto bene; quel film è un cult, c'è poco da fare.
Ma andiamo a noi.



Con The Martian abbiamo una storia completamente differente rispetto agli altri film che ha diretto dello stesso genere, più centrata sulla salvezza e la speranza rispetto a Blade Runner e soprattutto ad Alien, dove ogni forma di positività è negata, inesistente si può dire.
In questo film invece Ridley Scott si concentra di più su ciò che più conta davvero nella vita.
Il protagonista è stato dimenticato su Marte, e gli astronauti sono chiamati a riportarlo a casa: ma ci sono parecchi problemi a riguardo.
Primo fra tutti i fattori economici e di immagine della nasa, poi ovviamente saranno coloro che si accorgono di ciò che è successo ad insistere per riportare a casa colui che hanno dimenticato: ce la faranno?
Ho visto questo film con una precisa idea nella testa: e forse nonostante questa idea che ora vi spiegherò, le mie aspettative sono state ampiamente superate.
Avevo paura che fosse la solita americanata proposta ultimamente da Scott, e invece mi sono dovuta ricredere.
Capisco perfettamente che non tutti hanno il mio punto di vista, e che un film ha diverse reazioni in base al pubblico che si ritrova di fronte.
Ridley Scott è riuscito a fare un film forse all'altezza dei sopracitati capolavori, non so sinceramente se aggiunge qualcosa ma ci siamo vicini: innanzitutto una cura particolare sia alla regia che alla recitazione, poi la bellissima fotografia ne accentua l'intensità del messaggio che si vuole propinare allo spettatore.
Non ci sono eccessi, e questo fa si che l'opera sia meno pomposa rispetto ad altri film da lui diretti, ma più incisiva, più diretta e questo è più un pregio che un difetto.
Il film è ottimo, non so sinceramente se è un capolavoro ma è stato un piacere guardarlo perchè oltre ad essermi piaciuto mi ha sorpresa...e sapete che non sono tutti i film capaci di fare tanto.
Cos'altro dire se non augurarvi buona visione?
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.