Passa ai contenuti principali

Standby

Alan sta attraversando un momento difficile della sua vita. E' appena stato piantato all'altare e ha perso il lavoro che aveva in banca; per pagare i conti trova lavoro all'aeroporto come guida turistica.
Il caso vuole che Alice, una sua vecchia fiamma sta per tornare a casa a New York, lui la convince a fare un giro insieme per ventiquattro ore filate...scopriranno che l'antica fiamma è ancora viva? Oppure ognuno alla fine troverà una propria strada?

Certe commedie sono create per arrivare piano piano, in punta di piedi e lasciare il segno. Non è facile da spiegarsi ma a volte capita.
Standby è una di queste commedie.
Diretta a quattro mani da due fratelli Rob e Ronan Burke, è uno di quei film capaci di entrare in punta di piedi e restare nella memoria dello spettatore.
Può anche darsi che non fa subito centro, ma sicuramente qualcosa di questo film resta dentro e ve lo posso assicurare io che pur non avendolo assimilato l'ho trovato particolarmente gradevole.
Evitate i confronti con altre commedie romantiche, questo film è di tutt'altro genere.
L'impatto narrativo scelto dai due registi può farvi annoiare vi avviso, ma sinceramente parlando meglio un film che va a rilento e resta nella memoria, piuttosto che un film che una volta visto lo dimentichi.
I registi si concentrano maggiormente sui protagonisti, ne carpiamo le emozioni, la loro malinconia del passato e tanto altro ancora.
Difficilmente quando una storia finisce, vuol dire che finisce per sempre.
Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano...è il caso di citare le parole del grande Antonello Venditti che si addicono alla perfezione a questo film.
Un film che descrive l'amore fatto di parole, emozioni, gesti sempre nuovi. Evitando caricature, scene comiche che avrebbero appesantito il tutto e anche scene sdolcinate.
In questo i due registi hanno saputo dare una voce molto realistica alla trama e gliene do merito.
Un bellissimo film, particolare che difficilmente dimenticherete.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…