Passa ai contenuti principali

Stranger than Paradise

Terza recensione oggi e una vera sorpresa per tutti gli amici della fabbrica: Stranger than Paradise di Jim Jarmusch, opera prima surreale e suggestiva girata interamente in bianco e nero.

Film suddiviso in tre atti, in cui i personaggi sembrano assumere comportamenti bizzarri e strani, a cominciare dal primo episodio dove una donna va a fare visita a un cugino fino all'ultimo.
E' un film sorprendentemente curioso e bizzarro, e forse la sua genialità sta proprio in questo.
Ed è davvero incredibile che sia così intrigante questo film, nonostante fosse un opera prima; già Jim Jarmusch mette in evidenza le tematiche del suo cinema, anche con questo film a basso costo in cui la mdp sembra seguire i protagonisti nelle loro azioni facendo entrare lo spettatore quasi come se fosse uno dei personaggi del film.
Un piccolo film che risulta anche grande per la semplicità e allo stesso tempo la complessità dell'opera.
Jim Jarmusch dimostra da subito dove vuole andare a puntare, e lo fa alla grandissima.
Mi è piaciuto questo film, soprattutto perchè l'ho sentito davvero come se i personaggi fossero degli alieni rispetto alla società che li circonda; loro, con i loro comportamenti bizzarri, strani sembrano ricalcare l'esatto opposto di come la società si aspetti che gli esseri umani si comportino.
In tutto questo noi spettatori normali, ci riconosciamo parecchio.
Altre cose da sottolineare sono la capacità dei personaggi di imprimersi nel cuore degli spettatori, durante la visione si crea una speciale alchimia in cui ognuno di noi può riconoscersi, ma i personaggi così strani, finisci o per amarli, o anche per odiarli.
Sta a te decidere se accettarli o meno, a seconda di cosa il film ti fa guardare.
Da non perdere.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.