Passa ai contenuti principali

Misterious Skin

Bryan e Neil, reagiscono a modo loro a un abuso sessuale subito durante la loro infanzia: il primo, si ossessiona degli ufo e mostra chiari segni di sofferenza a causa dell'epilessia, il secondo si prostituisce con omosessuali, mostrando di accettare come normale l'abuso subito.
Neil ha persino una ragazza che lo ama senza sapere della sua omosessualità, eppure entrambi gli amici devono prima o poi fare i conti con il passato e superare i traumi subiti, ce la faranno?

Un altro film di Gregg Araki, che si allontana dai fasti iperviolenti di Doom Generation per raccontare una storia più drammatica, che vuole letteralmente fare a pezzi la classica figura della famiglia perfetta, e lo fa con il suo consueto stile provocatorio.
In questo film nulla è lasciato al caso, compresi gli assenti genitori che non vogliono vedere o non sono in grado di farlo ciò che accade ai loro figli.
E' un film duro, che fa riflettere ed esamina per inciso tutto il dolore che si può provare e le conseguenze che nascono da quel dolore di un abuso subito nell'infanzia.
Un film che fa riflettere; decisamente.
Bravissimi i due protagonisti: Joseph Gordon Levitt e Brady Corbet che riescono ad imprimersi nella memoria dello spettatore con poche e semplici inquadrature.
Gregg Araki si conferma un autore con la A maiuscola, dirigendo un film difficile e complesso ma che in tutto questo riesce ad essere sincero senza sbavature di fondo, grazie ad una regia efficace e tagliente.
Un atto d'accusa contro tutti gli abusi sui minori, che spacca il capello in quattro contro la cecità dell'istituzione famigliare che viene messa alla berlina, e soprattutto contro i genitori che non riescono a dialogare con i figli.
In questo film neanche spazio per l'amore c'è, tutto è portato a far capire allo spettatore che l'amore è quasi una metafora irraggiungibile, ognuno dei protagonisti vive a modo suo l'abuso subito; c'è chi scende a patti come Neil, e c'è chi si ossessiona agli ufo come Brian.
Ma arriva sempre per tutti il momento di superare il male subito e di guardarsi dentro, prima o poi succede a tutti e tutti devono fare i conti con il passato.
In conclusione: Immenso.
Voto:


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.