Passa ai contenuti principali

The Big Kahuna

Ooooh yess, ma guarda un po' che abbiamo qui...The Big Kahuna, con Denny De Vito e Kevin Spacey nel ruolo di due venditori di lubrificanti che si confrontano con un giovane che fa il loro stesso lavoro parlando delle cose della vita, delle donne e di tutto ciò che accade.
L'ho trovato un film veramente interessante, sembra un opera teatrale, e il regista costruisce la trama attraverso diversi archetipi di messa in scena in cui svolge l'azione del suo film.
Il giovane è colui che vede il mondo come qualcosa per cui lottare per migliorarlo, mentre i più grandi, che conoscono la vita e le sue insidie hanno una vena malinconica quasi rassegnata che le cose non possono nè cambiare nè tantomeno migliorare.
L'entusiasmo del giovane mi ha fatto capire che non conoscendo la vita il suo sguardo è quello più sincero e arguto degli altri due; capisce che le cose se si vuole si possono migliorare, che non bisogna fermarsi davanti a nulla.
Il suo punto di vista pur essendo acerto è disincantato, mai stucchevole. Durante la visione ho immaginato che fosse lo sguardo del regista, che si mette nei panni del giovane ragazzo costruendo una certa empatia che è il centro dell'intero film.
The Big Kahuna è un film affascinante e intelligente, che mostra i personaggi che si trovano di fronte a dei discorsi logici sulla vita e soprattutto sull'amore, e anche se il giovane non sarà capace di trasmettere il suo entusiasmo nè farà cambiare idea ai due uomini più anziani, loro ne rimarrano senza dubbio conquistati.
Nonostante all'inizio lo prendono un po' in giro per il suo vivace entusiasmo.
John Swanbeck porta il teatro al cinema, e lo fa con una classe e con un entusiasmo che raramente si trovano al cinema.
Un film particolare e interessante che vi consiglio assolutamente di vedere e soprattutto da collezionare, con due grandissimi attori e Peter Faccinelli nel ruolo del giovane entusiasta della vita, formano un trio sorprendente dentro un film davvero stupendo.
Si merita senza alcun dubbio un voto alto.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.