Passa ai contenuti principali

La Mia Peggiore Amica - Poison Ivy

Non poteva mancare la recensione quotidiana del film, quindi doppia recensione oggi, prima TVD ora un film, vabè, ecco a voi La mia peggiore amica con Drew Barrymore.

Si tratta di un thriller abbastanza convenzionale, dove due ragazze fanno amicizia, la prima figlia di un noto giornalista tv, è attratta dall'altra, senza famiglia e senza dimora, che ha il coraggio di volteggiare sull'altalena con una gonna.
All'inizio l'idillio è favoloso, ma poi piano piano si cominciano a capire le reali intensioni di Ivy che vorrebbe prendere il posto della madre di Coop.
Soprattutto quando la stessa Ivy comincia a voler essere protagonista in quella casa, sia con la madre - che poi farà fuori, -  che con il cane, il padre per rubarle via via tutto ciò che le appartiene....
Ma un incidente stradale farà capire a Coop la realtà delle intensioni di Ivy.
Protagonista assoluta del film è Drew Barrimore nel ruolo della velenosa Ivy che distruggerà completamente tutta la famiglia di Coop seducendo persino il suo stesso padre, nella speranza di prendere il posto della madre.
Insomma un veleno dosato a piccole gocce ma che brucerà tutto il mondo di Coop con la scusa dell'amicizia...come dice un vecchio proverbio, amici e guardati, e dalla seducente e bellissima Ivy è meglio scappare che lasciarsi ingabbiare dalla sua cattiveria.
Un film che nonostante tutto non dispiace guardare, certo non è un capolavoro, si tratta di un thriller dove una bad girl ingloba nella sua rete una famiglia intera, con qualche buco di sceneggiatura in cui Drew Barrymore per la prima volta in un ruolo più adulto fa la cattiva, forse è la sua unica incurisone dato che l'attrice è piuttosto simpatica, la ricordiamo nei due film di Charlie's Angels che spero di recensirli prima o poi.
In conclusione, senza infamia e senza lode, si può vedere tranquillamente, soprattutto se volete emozioni forti.
Voto: 6 e 1/2

Curiosità:
Nella scena iniziale si nota il cameo di una futura superstar del cinema...Leonardo Di Caprio al suo primo film.

Commenti

  1. film troooppo anni '90 :)
    ai tempi comunque non mi era dispiaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, anche a me non era dispiaciuto, l'ho voluto recuparere appena preso internet ^_^

      Elimina
  2. Che nostalgia!!
    Lo vidi da ragazzina e ne rimasi molto disturbata, soprattutto per la disgustosa idea che la migliore amica della protagonista potesse riuscire a diventarne la matrigna. Eeew!! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione Bollicina...quel gran pezzo di tr****e di Ivy copula col paparino di coop per prendere il posto di sua madre e li becca in flagrante pure...ai tempi ha turbato anche me ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.