Passa ai contenuti principali

La Maman et la Putain

E' un film lunghissimo, quasi tre ore di durata, ma che passano via tutte d'un fiato, che raccontano la storia di un triangolo amoroso senza tragedie, ma che ognuno si accetta a modo suo, anche se la convivenza è piuttosto difficile, protagonista è Jean Pierre Léaud attore feticcio di Truffaut che si innamora di due donne diversissime tra loro.

La cosa sembra andare per il verso giusto, perchè una svolge il ruolo di madre, e l'altra di...beh avete capito no? Lo dice lo stesso titolo, soprattutto perchè la prima è molto materna con lui, la seconda è una donna facile, che ha numerosi amanti, ma che con lui ci fa dell'ottimo sesso.
Film post nouvelle vague, diretto da Jean Eustache che ha nel suo carnet pochissimi film, di cui l'unico capolavoro sembrerebbe essere questo.
Siamo ai tempi della rivoluzione sessuale, e i registi vedevano l'amore alla loro maniera, il protagonista è un giovane che invece di avere una doppia vita segreta, ce l'ha alla luce del sole, due donne, due amanti, due modi di vivere l'amore, e quale uomo non vorrebbe avere quello che ha lui?
Sembrerebbe un film molto maschilista, ma il regista evita di entrare in questa etichetta, lasciando esprimere anche il punto di vista femminile della storia, il che per un film del genere è di fondamentale importanza.
Anche la donna ha la sua importanza, come ho detto poco fa...per questo le due personalità femminili sono molto forti, e seppur non convivano alla perfezione, capiscono che si deve fare una scelta perchè in un rapporto non esiste solo il sesso, c'è anche l'amore.
E qui che l'uomo mostra la sua debolezza, perchè non è lui a farla la scelta, ma una di loro due, cioè una delle sue donne, dimostrando carattere e determinazione, che tipicamente mancano all'uomo.
Una di loro cederà il posto all'altra? Oppure lo lasceranno entrambe?
Come sempre non spoilero mai, vi invito anzi caldamente a guardare questo film, consigliatissimo se volete vedere un opera ricercata e particolare, uscita quando ormai la Nouvelle Vague era  quasi al capolinea.
Immenso...
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.