Passa ai contenuti principali

Cani Sciolti


Primo Guest Post alla fabbrica, grazie agli amici di Copyisteria, divertitevi a leggere e a scoprire questo film.
Arwen

Film: Cani sciolti
Regia: Baltasar Kormakur
Cast: Mark Wahlberg, Denzel Washington, Paula Patton, James Marsden, Fred Ward

By Copyisteria


Due agenti rapinano banche e fanno esplodere negozi per fingersi criminali ed incastrare un criminale vero. Se la cosa vi sembra eccessiva “a monte” oppure il genere Arma Letale non vi ha mai allettato, lasciate perdere. Se la cosa invece vi intriga, potreste adorare Cani sciolti (titolo originale “Two Guns”): l’ultimo film di Baltasar Kormakur (Rejkjavik 101, Il Mare, Contraband).
Diversamente dal precedente Contraband, qui non c’è traccia di dramma se si eccettua qualcosina verso la fine; Come in Contraband c’è il traffico di droga, la corruzione dilagante e… Mark Wahlberg.
Il regista islandese di “Rejkjavik 101” costruisce un intreccio che esige di essere guardato a cuor leggero, senza porsi troppe domande. Il tutto prende naturalmente la forma di un pop corn movie in salsa 80’s (Beverly Hills Cop, Arma Letale, Die Hard). Nel cast, oltre alla bellissima Paula Patton e al “fu Ciclope” James Marsden, troviamo anche una vecchia gloria dell’action a stelle e strisce come Fred Ward (Tremors, Il mio nome è Remo Williams). Approposito… Sly quanto ci metti a scritturare il vecchio Fred per un capitolo de I Mercenari?
Come da certa tradizione action americana, “Cani sciolti” è un film sul libero arbitrio: in un mondo dove legge e criminalità si contaminano fin quasi alla fusione molecolare, il cambiamento può nascere solo grazie all’azione del singolo. E nel caso specifico di Cani sciolti, “il singolo” è una specie di spassoso mostro a due teste che ha le voci di Denzel Washington e Mark Wahlberg.
Trench e Stigman sono due duri a morire perennemente in bilico tra la legge e il suo contrario. Uno (Trench/Washington) è un agente della DEA, l’altro (Stigman/Wahlberg) è un ufficiale dell’intelligence della Marina. Entrambi sotto copertura, i due ignorano le rispettive vere identità per buona parte del film e questo innesca un dialogo continuo e delirante che è la chiave di tutto il film. Trench e Stigman parlano di continuo, cercando di sedurre il pubblico col loro carisma e bisogna ammettere che spesso ci riescono, vista l’innegabile bravura dei due attori protagonisti. Washington è più cool di Danny Glover (non solo per i cappellini che sfoggia), Wahlberg è più piacione di Mel Gibson (fa l’occhiolino alle cameriere ma ha una pasta molto diversa da quella folle e anarcoide di Mel). I due si contendono amichevolmente la palma di protagonista del film fino alla fine e il responso è, verosimilmente, molto prossimo alla X. Due icone maschili di indubbio fascino e bravura. Azione, botte, esplosioni in puro stile hollywoodiano.

Da Copyisteria.altervista.org

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.