Passa ai contenuti principali

Butterfly Kiss

Eunice, è una psicopatica assassina, un giorno per caso incontra Miriam, una psicolabile, che diviene sua amante, schiava, e poi complice degli omicidi da lei commessi.
No, lasciate perdere certi paragoni che non centrano nulla con il cinema patinato di hollywood di Thelma & Louise, che pur essendo un cult movie non si avvicina neanche a questo film, che segna l'esordio al cinema del regista Michael Winterbottom ed è già in cerca di emozioni forti.

Ringrazio innanzitutto l'amico Ford che mi ha convinta a recuperare questo titolo dopo aver letto la recensione nel suo blog, una citazione mi sembra dovuta dato che è uno dei blogger che più apprezzo nella blogosfera.
Che film ragazzi!
Come dicevo prima i paragoni con Thelma & Louise sono piuttosto azzardati, qui non c'è hollywood, ma una storia dura, di sangue, di crimini senza nessuna redenzione.
La storia lesbo è una provocazione per sottolineare le caratteristiche delle protagoniste e il loro rapporto, incentrato sulla dipendenza della psicolabile all'assassina, l'amore non centra niente con questa storia sottolineo.
Ed è proprio su questo rapporto che è incentrato l'intero film.
Bravissima Amanda Plummer, altrettanto brava Saskia Reeves capace di discendere la follia con pochi gesti.

Sin dalle prime scene si capisce l'andatura di una storia già malata in partenza - nel senso positivo ovviamente - le due protagoniste sono delle outsiders, e sembrano vivere in un mondo tutto loro, dato che si allontanano dalla realtà.
Il loro rapporto malato ne è la prova - e non mi riferisco all'omosessualità ma alla loro psicologia - Eunice è chiaramente una psicopatica, che entra nelle stazioni di servizio soltanto per rubare, in una di queste incontra Miriam ed è l'inizio di una discesa agli inferi, senza possibilità di recupero.
Ovviamente è una storia che non può andare avanti, nonostante Miriam si illuda che possa funzionare, non sarà così.
Ottimo esordio alla regia del regista britannico Michael Winterbottom, con un film duro e lacerante, difficile e complesso, che chi si aspetta un altro Thelma & Louise ve lo dico subito ci rimane deluso.
Tutto giocato sulla psicologia malata delle protagoniste, in cui è molto facile entrare in empatia, soprattutto per il personaggio di Miriam, tanto fragile rispetto alla più forte Eunice.
Consigliatissimo, se cercate un film capace di scuotere gli animi Butterfly Kiss è il film per voi.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.