Passa ai contenuti principali

The Woman

E ora un film che volevo vedere da tempo, e finalmente ho potuto vedere in questo 2014, The Woman di Lucky McKee, che mi ha ispirato tantissimo e che per un motivo o un altro ho potuto vedere solo qualche mese fa, comunque, meglio tardi che mai...andiamo a noi.

Lo dico subito, film inquietante e disturbante, più il secondo che il primo, se siete sensibili meglio evitarlo, ma se avete stomaci forti allora potete vederlo tranquillamente, anche se le tematiche del film vi lasceranno di stucco che è quello che è capitato a me durante la visione di questa pellicola straordinaria.
Da vedere, assolutamente.
Quando ebbi l'occasione per vederlo non me lo sono certo lasciato scappare, chi è il mostro? Colui che ha vissuto come un selvaggio o colui che è sempre stato nella civiltà ma è un bastardo dentro?
Lucky McKee fa un film lucido e spietato allo stesso tempo, una famiglia cosidetta "normale" ma si capisce subito che si tratta di una famiglia disfunzionale, dal padre violento e dalla madre succube che mal sopporta quella estranea trovata nel bosco, ai figli, il cui maschio segue il padre in qualsiasi cosa chieda, la femmina invece è l'unica a prendersi cura della donna trovata nel bosco, ella stessa si prende cura anche di una figlia deforme che viene lasciata incatenata nella cantina dove ci mettono anche la donna.

Ovviamente anche la donna trovata nel bosco allo stato selvaggio diventa oggetto delle violenze e angherie del capofamiglia, ma lei sa benissimo come trattarlo, e si difende con le unghie e con i denti dai suoi soprusi.
Come ho detto prima è un film DA VEDERE, da possedere assolutamente, perchè davvero qui la mostruosità umana viene mostrata nella classica famigliuola americana, tutta perfetta, di quelle che si vedono nella pubblicità del mulino bianco, poi ne mostra quello che altri non vedono, ovvero tutto il marcio, il padre alcoolizzato che picchia la moglie, la madre succube, il figlio che è l'immagine sputata del padre, e la figlia con seri problemi di ambientazione a scuola, che è poi quella che capirà per prima l'umanità della donna del bosco, per finire con la ragazza deforme, con cui la donna del bosco viene chiusa in cantina.
La peculiarità della pellicola di Lucky McKee, è quella di fare uscire il mostro laddove la gente normale vede qualcosa di rassicurante, facendo a pezzi un po' la società americana, quella delle famiglie perfettine, dei prati in ordine e poi mostrare un essere allo stato selvaggio e la sua umanità nei confronti di altri esseri umani.
Tralasciando la madre che non la poteva sopportare, le uniche persone che l'hanno trattata meglio sono la figlia adolescente, che deve nascondere la situazione familiare alle assistenti sociali, e all'insegnante, che viene allontanata dal padre e dal figlio vi lascio immaginare come.
Un film terribile, nel senso buono ovviamente, una volta visto sono sicura che non lo dimenticherete più: ma è anche un film incredibile, realista, che, pur non essendo originale è capace di scuoterti dentro, farti venire la cosidetta pelle d'oca durante la visione, e scusate se è poco.
Il finale è catartico e terribile allo stesso tempo, ma non vi anticipo nulla perchè come sapete odio spoilerare, quello che vi dico è di vedere questo film, anche se vi fa un po' impressione, perchè per me è un grande, grandissimo film, non so per voi ma per me lo è.
Voto: 9






Commenti

  1. Ce l'ho sul disco rigido da un o' ma devo ancora vederlo... se mi dici che merita, allora mi ci fiondo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si merita, merita e anche molto, fidati del mio fiuto ;)

      Elimina
  2. Film stupendo, che a suo tempo mi lasciò letteralmente stesa. Non ho mai più avuto il coraggio di rivederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, ti do ragione, lascia veramente stesi, ed il bello è proprio questo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.