Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 2 - Puntata 7 - Bernardo Bertolucci

Club Silencio, Special Settimanale curato da Arwen Lynch, ultima settimana di doppio appuntamento, con questo special di approfondimento, questa settimana si parla di Bernardo Bertolucci, uno dei protagonisti dell'ondata di visioni cinematografiche di questo 2014, e forse anche dell'anno che sta per arrivare, domani, e mi scuso per non essere stata precisa, ci sarà uno special sulla nouvelle vague, movimento che ha cambiato notevolmente il cinema e il modo di fare cinema e ha influenzato anche hollywood.
Cominciamo...
E cominciamo si, non potevo non dedicare Club Silencio ad uno dei maestri del cinema italiano di sempre: Bernardo Bertolucci, che ha cominciato a girare i primi film grazie a Pier Paolo Pasolini.
Suo padre era un poeta, Attilio Bertolucci, e suo fratello è il regista nonchè autore teatrale Giuseppe Bertolucci.
Nasce e cresce in un ambiente intellettuale, e questo ne ha influenzato le tematiche cinematografiche, che portano l'uomo al centro di bruschi cambiamenti a livello esistenziale, ma soprattutto politico senza che loro possano o vogliono cambiare gli eventi intorno, o cercare delle risposte.
26 film tra cortometraggi, lungometraggi e documentari, a testimonianza di un autore, che ha saputo internazionalizzarsi e portare un po' di Italia nel mondo.
Molti dei suoi film sono prodotti e girati all'estero, prendi il caso di The Dreamers, Il Piccolo Buddha, L'ultimo imperatore che lo ha consacrato definitivamente a livello internazionale, un autore che ha lanciato Liv Tyler con lo splendido Io ballo da Sola e tanto altro ancora.
Dico la verità, non lo conosco molto, ho visto diversi suoi film dato che lo sto approfondendo, pensate che l'ho scoperto a ridosso dell'uscita di Io Ballo da Sola e quell'anno vidi persino Novecento che ho rivisto recentemente approfittando della ripresa.
Così sto recuperando molto suo cinema, compresi i primi film, l'ultimo che ho visto è forse il suo film più difficile La Tragedia di un uomo ridicolo con Ugo Tognazzi, film minore ma che mi ha colpito molto.
La cosa che colpisce del cinema di Bertolucci è la sua rappresentazione dell'uomo sullo schermo, sottolineata da una comprensione verso le sue miserie, nel portare sia i pregi, che i difetti dei suoi protagonisti, quasi a comprenderli oltre che a criticarli, non è feroce come altri autori, ma sa parlare molto attraverso la sua macchina da presa, quasi come un narratore, senza la presunzione di essere un narratore, non so se mi spiego.
Lascia che siano i suoi protagonisti ad esprimersi, pensiamo ai giovani di The Dreamers ad esempio, chiusi in casa a parlar di cinema, a dire cosa è bello, cosa è brutto, mentre fuori ribolle il '68, quando però la furia cieca della rivoluzione irrompe nel loro piccolo mondo non stanno fermi lì, non chiudono la finestra, ma escono fuori, senza una motivazione alcuna, tanto che Matthew, dice loro di lasciar perdere, che loro non sono così, eppure quella molotov lanciata da Théo, mi ha aperto uno spiraglio verso una realtà in cui l'uomo è distruttore e il cinema, l'arte non cambia la sua natura, è così e basta.



Per Ultimo Tango a Parigi faccio parlare direttamente Bertolucci, ecco l'intervista di SilvanoAgosti



E per finire in bellezza, Io Ballo Da Sola olèèè



Di Bertolucci in tutto ho visto 13 film, i lungometraggi più famosi e celebrati, e anche qualche film che ha girato agli inizi, come Prima Della Rivoluzione, di cui molto presto parlerò con una recensione.
Considero Bertolucci uno dei registi da conoscere assolutamente per ogni appassionato di cinema che si rispetti, sia perchè rappresenta l'italia all'estero, e sia perchè la sua opera è imprescindibile, ed è di fondamentale importanza vedere se non tutti, almeno la maggioranza dei sui film...anche se io da autentica divoratrice di film li vedrò tutti quanti, come capita sempre con un autore che mi interessa...




L'ultimo film di Bertolucci è Io e Te, storia di due fratelli che si ritrovano, e devono convivere a forza, in una situazione dove si conosceranno veramente e comincieranno a volersi bene, un altro piccolo film, come ultimamente ne gira, ma capace di essere indimenticabile, e nello stesso film lancia Iacomo Olmo Antinori e Téa Falco, praticamente scoperti da lui.
Bene, noi ci vediamo domani per oggi è tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.