Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 2 - Puntata 7 - Bernardo Bertolucci

Club Silencio, Special Settimanale curato da Arwen Lynch, ultima settimana di doppio appuntamento, con questo special di approfondimento, questa settimana si parla di Bernardo Bertolucci, uno dei protagonisti dell'ondata di visioni cinematografiche di questo 2014, e forse anche dell'anno che sta per arrivare, domani, e mi scuso per non essere stata precisa, ci sarà uno special sulla nouvelle vague, movimento che ha cambiato notevolmente il cinema e il modo di fare cinema e ha influenzato anche hollywood.
Cominciamo...
E cominciamo si, non potevo non dedicare Club Silencio ad uno dei maestri del cinema italiano di sempre: Bernardo Bertolucci, che ha cominciato a girare i primi film grazie a Pier Paolo Pasolini.
Suo padre era un poeta, Attilio Bertolucci, e suo fratello è il regista nonchè autore teatrale Giuseppe Bertolucci.
Nasce e cresce in un ambiente intellettuale, e questo ne ha influenzato le tematiche cinematografiche, che portano l'uomo al centro di bruschi cambiamenti a livello esistenziale, ma soprattutto politico senza che loro possano o vogliono cambiare gli eventi intorno, o cercare delle risposte.
26 film tra cortometraggi, lungometraggi e documentari, a testimonianza di un autore, che ha saputo internazionalizzarsi e portare un po' di Italia nel mondo.
Molti dei suoi film sono prodotti e girati all'estero, prendi il caso di The Dreamers, Il Piccolo Buddha, L'ultimo imperatore che lo ha consacrato definitivamente a livello internazionale, un autore che ha lanciato Liv Tyler con lo splendido Io ballo da Sola e tanto altro ancora.
Dico la verità, non lo conosco molto, ho visto diversi suoi film dato che lo sto approfondendo, pensate che l'ho scoperto a ridosso dell'uscita di Io Ballo da Sola e quell'anno vidi persino Novecento che ho rivisto recentemente approfittando della ripresa.
Così sto recuperando molto suo cinema, compresi i primi film, l'ultimo che ho visto è forse il suo film più difficile La Tragedia di un uomo ridicolo con Ugo Tognazzi, film minore ma che mi ha colpito molto.
La cosa che colpisce del cinema di Bertolucci è la sua rappresentazione dell'uomo sullo schermo, sottolineata da una comprensione verso le sue miserie, nel portare sia i pregi, che i difetti dei suoi protagonisti, quasi a comprenderli oltre che a criticarli, non è feroce come altri autori, ma sa parlare molto attraverso la sua macchina da presa, quasi come un narratore, senza la presunzione di essere un narratore, non so se mi spiego.
Lascia che siano i suoi protagonisti ad esprimersi, pensiamo ai giovani di The Dreamers ad esempio, chiusi in casa a parlar di cinema, a dire cosa è bello, cosa è brutto, mentre fuori ribolle il '68, quando però la furia cieca della rivoluzione irrompe nel loro piccolo mondo non stanno fermi lì, non chiudono la finestra, ma escono fuori, senza una motivazione alcuna, tanto che Matthew, dice loro di lasciar perdere, che loro non sono così, eppure quella molotov lanciata da Théo, mi ha aperto uno spiraglio verso una realtà in cui l'uomo è distruttore e il cinema, l'arte non cambia la sua natura, è così e basta.



Per Ultimo Tango a Parigi faccio parlare direttamente Bertolucci, ecco l'intervista di SilvanoAgosti



E per finire in bellezza, Io Ballo Da Sola olèèè



Di Bertolucci in tutto ho visto 13 film, i lungometraggi più famosi e celebrati, e anche qualche film che ha girato agli inizi, come Prima Della Rivoluzione, di cui molto presto parlerò con una recensione.
Considero Bertolucci uno dei registi da conoscere assolutamente per ogni appassionato di cinema che si rispetti, sia perchè rappresenta l'italia all'estero, e sia perchè la sua opera è imprescindibile, ed è di fondamentale importanza vedere se non tutti, almeno la maggioranza dei sui film...anche se io da autentica divoratrice di film li vedrò tutti quanti, come capita sempre con un autore che mi interessa...




L'ultimo film di Bertolucci è Io e Te, storia di due fratelli che si ritrovano, e devono convivere a forza, in una situazione dove si conosceranno veramente e comincieranno a volersi bene, un altro piccolo film, come ultimamente ne gira, ma capace di essere indimenticabile, e nello stesso film lancia Iacomo Olmo Antinori e Téa Falco, praticamente scoperti da lui.
Bene, noi ci vediamo domani per oggi è tutto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.